ADDESTRAMENTO

Condividi:

Pubblicato il 18/10/2006

14 OTTOBRE GARA INTERNAZIONALE DI TIRO – MENDRISIO

PARMA- Visto il successo di iscrizioni e la grande partecipazione di squadre italiane, la gara di Mendrisio si piazza tra le meglio organizzate e la più qualificata manifestazione del genere.

Abbiamo chiesto al par. Giorgio Cenci, affezionato concorrente della prima ora, di farci una breve relazione.

Ci ha riferito della solita efficiente e cordialissima organizzazione della gara, fatta dalla riserva svizzera, che, come sapete, prende molto sul serio, come giusto, il compito di mantenere addestrati i propri uomini. Un esempio che andrebbe seguito anche in Italia..

Una giornata dove i partecipanti hanno potuto utilizzare molte delle armi in dotazione all’esercito svizzero.

Una nota tecnica: La sezione di tiro con l’arco, curata dal Paracadutista Bruno Horn ha fatto “sudare” i concorrenti: si tratta di una disciplina difficile, dove la concentrazione e l’allenamento sono inispensabili. Chiederemo a Bruno di parlarcene dettagliatamente.

Leggete l’articolo del par Giorgio Cenci.


U.N.U.C.I.
UNIONE NAZIONALE UFFICIALI IN CONGEDO D’ITALIA
Sez. “CAP. VITTORIO BOTTEGO”
Via Cavour 28- 43100- PARMA-


NUCLEO di SALSOMAGGIORE T.

a cura del par. Ten Giorgio Cenci, Ufficiale Unuci e paracadutista ANPDI ( tondo e TCL) .

Chi come me ha partecipato a tutte le edizioni della manifestazione, ne ha potuto vedere ed apprezzare la trasformazione , ovviamente in meglio, che in questi pochi anni ha avuto.

Impressionante il numero dei partecipanti che, in modo estremamente composto e formale, hanno , da subito , occupato l’atrio del check-in.

Ho cercato, da subito, Bruno, il Ten Col Fasol e quanti conosco per salutarli ma il primo impatto è stato con l’amico Chiesa, altro infaticabile Ufficiale organizzatore che, ben sapendo a che serviva la macchina fotografica che avevo in mano, mi ha paragonato ad un esponente di “Striscia il paracadutista” visto che il sito è molto seguito anche dagli amici Svizzeri.

In particolare, sono stato avvicinato dal Ten Col Tandarini che mi ha assicurato sulla quantità di calorie del “rancio” di mezzogiorno in quanto, l’ultima volta è stato da noi definito “ ipocalorico”

Saluto un Bruno Horn in splendida forma, con tanto di foto ricordo .


GUARDA IL MINI-SERVIZIO FOTOGRAFICO

La cerimonia dell’alza bandiera ha visto un imponente inquadramento, a squadre, documentato in alcune foto.

Breve saluto e briefing illustrativo dello svolgimento della gara.
Con precisione, tutta Svizzera, ognuno è partito per la propria destinazione .

Sempre coinvolgente, per chi come me è appassionato di armi, è il fatto di poter avere a disposizione, e usare, pezzi come la Luger o le Sig.

Ovviamente, oltre ai dilettanti come il sottoscritto, sono presenti anche semi-professionisti che sbancano ma lo spirito, rilevo da tutti, è quello di :

1-partecipare
2- dare il meglio di se stessi

E, se c’è un po’ di fortuna, ancora meglio, aggiungo.

Particolarmente interessante lo stage “sniper” a 300 m. e quello della pistola Luger a 50 m.

Stranamente, nel riconoscimento mezzi militari, non era prevista nessuna NSU Prinz-L o Ducato maxi.

Ottimo e abbondante (non è una battuta) il “rancio” sia a mezzogiorno che alla sera.

Si tranquillizzino gli amici Svizzeri, striscia-la-fame, non ha nual da scrivere!!!


Pitti-tiro

Qualche buono spunto c’era ma, non volendo rubare il mestiere all’amico Walter, ho preferito lasciar perdere.


Nota della Redazione:
Presente un richiamato di lusso, con svariati brevetti appuntati sulla mimetica, tra i quali quello militare Folgore acquisito durante un richiamo.Una specie di shakeraggio di funzioni e provenienze che ha sfornato un…. amministrativo.

Notate mimetiche desertiche, caschi da bersaglieri, adesivi di compagnie mai esistite ed appiccicati dovunque. Sciarpe e foulard feddayn che si sprecavano.

C’erano “ragazze” sformate, con basco amaranto e brevetto militare, rigorosamente ANPDI nord. Non in servizio

Mah? Mah!
Tutto qui??

fine della nota della redazione. Continua Giorgio Cenci:


I risultati .

Dati in tempo “ surreale” in quanto alle ore 19 tutti ( 265) potevano ritirare il diploma, la classifica, l’eventuale medaglia di categoria.

La posizione del sottoscritto è, da me stesso, definita onesta nonostante abbia quasi “padellato” la prova della cal. 22 per motivi non dipendenti da me.

L’eventuale maggiorazione di punteggio mi avrebbe fatto salire di alcune posizioni , ovviamente ininfluenti .

Lo spirito deve rimanere quello che ho sopra descritto .
Grazie ancora a tutti i Camerati Svizzeri che dimostrano come è possibile ben operare .
Le classifiche le troverete sul loro sito www.trofeosanmartino.ch