CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 13/10/2018

185mo RRAO e 4° RANGERS : NOTTE SCURA- PRIMA ESERCITAZIONE COME FORZE SPECIALI

Il 12 Ottobre è terminata la esercitazione “NOTTE SCURA” , una “classica” che è stata organizzata e gestita dal Comando Interforze per le Operazioni delle Forze Speciali (COFS).
Per l’Esercito sono stati interessati il 9° reggimento d’assalto “Col Moschin”, il 4° reggimento Alpini Paracadutisti ”Ranger”, il 185° reggimento Ricognizione e Acquisizione Obiettivi (questi ultimi due per la prima volta da quando sono diventati ufficialmente Forza Speciale,ndr)
In operazioni c’era anche il 3° raggruppamento elicotteri per le Operazioni Speciali; la Marina ha dispiegato il Gruppo Operativo Incursori (GOI) e il Reparto Eliassalto (REA); l’Aeronautica ha messo a disposizione il 17° Stormo ed il 9° Stormo; i Carabinieri , il Gruppo Intervento Speciale (GIS). Si parla di 1.000 operatori impiegati.
OPERAZIONE INTERNAZIONALE
I comandi impegnati hanno dovuto pianificare, organizzare e condurre l’intera gamma delle Operazioni Speciali in ambito internazionale.
E’ stato anche proiettato un comando su una nave della Marina per le esigenze dell’Alleanza Atlantica (SOCC)
NAZIONE IN CRISI CHE METTE IN PERICOLO INTERESSI E CITTADINI ITALIANI
Scontri interetnici e crisi sociali in un paese di fantasia hanno indotto il COFS, su autorizzazione politica e su mandato del Capo di Stato Maggiore della Difesa, ad organizzare in poco tempo un intervento per portare in salvo i concittadini .
TEST DI IMPIEGO PER DUE “MATRICOLE” DEL COMFOSE
NOTTE SCURA 2018 ha certificato il conseguimento delle capacità tipiche delle Forze Speciali da parte del 185° reggimento Ricognizione e Acquisizione Obiettivi e del 4° reggimento Alpini Paracadutisti ”Ranger”, entrati da questa esercitazione, ufficialmente nel comparto FORZE SPECIALI.
La Aeronautica Militare ha verificato la proiezione di velivoli a grandi distanza dalla madrepatria, in supporto ai distaccamenti, con tempistiche stringenti.
incursori-nottesxcura-2