CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 07/12/2017

A PROPOSITO DEL CASO SCIERI di Corrado Corradi

CASABLANCA- Presso la Caserma Gamerra ci ho trascorso 1 anno da Allievo Paracadutista e Paracadutista e poi 2 anni da Sergente Istruttore di Paracadutismo, ossia la gavetta della mia carriera militare iniziata nel 1977 e conclusasi nel 1993 ( nota della Redazione: per poi passare nei Servizi di Sicurezza italiani)
Non solo non sono mai stato sottoposto ad intollerabili atti di nonnismo ma non ne ho proprio mai visti a meno che non si voglia ritenere intollerabili atti una sana goliardia che si risolve sempre in un’altrettanto sana risata comunitaria e che rimane poi un piacevole ricordo nel cuore di chi ha fatto la naja (anche di chi ha subito lo scherzo).
Per la cronaca e a titolo di esempio: quando sono diventato Ufficiale, dal Col Moschin mi hanno trasferito per sei mesi al 2° Btg Paracadutisti Tarquinia a comandare un plotone di fucilieri paracadutisti, ebbene quei ragazzi che stavo addestrando, erano cosi’ frustrati da insopportabili atti di nonnismo che, in procinto di congedarsi, hanno addiritttura richiesto di posticipare il congedo di 15 giorni, per poter partecipare ad un’importante esercitazione combinata, che vedeva in campo le truppe Paracadutiste della NATO.
E’ evidente che siamo in pieno clima di caccia alle streghe che sostituisce il «panem et circensem»; i politici, non sapendo cosa dire al popolo incazzato la buttano in caciara inventandosi rigurgiti nazifascisti che non esistono e nonnismi (risalenti a quasi 20 anni fa) che non sono esistiti ma che stimolano fantasie «pulp» alle quali abboccano solo i (pochi) gonzi ideologicizzati.
Questo giochetto, alquanto sporco, non intacca l’onorabilità della Folgore, ma é maggiormente preoccupante perché evidenzia che se quei ribaldi ricorrono a tali mezzi é perché siamo veramente alla frutta.

Corrado Corradi