CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 11/05/2017

ALPINI PARACADUTISTI RANGERS IN CONGEDO IN MARCIA DAL CERVINO A SALERNO PER IL LORO COLLEGA ANTONIO ATTIANESE

attianese

PARMA- I paracadutisti alpini, già appartenuti al 4° Ranger, sono in marcia in staffetta per sensibilizare l’opinione pubblica sulla malattia del loro commilitone Antonio Attianese, già ranger del 4° Reggimento Alpini Paracadutisti. Oggi e domani saranno a Roma

La Marcia dei Ranger per Antonio nasce con un duplice fine:

Donare ad Antonio la certezza che i suoi colleghi ed amici non lo hanno abbandonato, dimostrandogli che gli stessi, seguendo il loro stile “operativo” e “anti-convenzionale” che da sempre li contraddistingue, anche di fronte a enormi fatiche e difficoltà correranno sempre in suo aiuto mettendosi al suo fianco, ottemperando alla loro regola primaria che cita ” nessuno rimane indietro“.
Cercare di supportare Antonio anche nelle sue battaglie legali finalizzate al riconoscimento di ciò che la legge prescrive e che purtroppo le Istituzioni al momento inspiegabilmente gli negano, andando anche contro a sentenze legali già emesse. A tal fine la marcia è una di quelle iniziative atte a non lasciar spegnere la fiamma della curiosità mediatica che al momento illumina Antonio, e che risulta essere la sua unica assicurazione di “vita”.
Modalità di esecuzione

La marcia dei Ranger si concretizza in una staffetta eseguita con modalità militare, ovvero ogni Team formato da un minimo di 3 persone, avrà 72 ore per percorrere la propria tappa coprendo una distanza di circa 120 Km (la lunghezza delle tappe varia), quindi consegnare il testimone al Team successivo. La marcia avrà termine quando il testimone, passato di Team in Team sarà stato consegnato nelle mani di Antonio presso la sua abitazione.

Percorso
Ogni team si dà un nome legato al loro impiego operativo passato. In questo momento è in marcia il Team Siusi.
La prima cellula è partita il giorno 24 Aprile dal Cervino e sono transitati da Fidenza il 1° Maggio e da Fornovo il giorno 2.
La marcia si svolgerà principalmente attraverso la millenaria via Francigena.

Come sapete Attianese si è ammalato dopo essere venuto in contatto con l’uranio impoverito durante due missioni in Afghanistan ed è stato congedato. Come documentato da trasmissioni televisive, gli è stato suggerito di non fare pubbicità per non mettere in cattiva luce i suoi superiori.

I commilitoni in congedo stanno marciando dal Cervino a Salerno per sensibilizzare lo Stato e l’opinione pubblica sul caso dei soldati italiani in Afghanistan che come Attianese sono stati colpiti da un male incurabile a causa dell’uranio.

Mai Strac!

PER AVERE NOTIZIE CLICCATE QUI

img-20170502-wa0074