Stampa

OPINIONI

secchio.scemo
La campagna anti-Sla che sta facendo il giro del mondo UNA DOCCIA GELIDA PUÒ ESSERE «SOLIDALE»? di Gigio Rancilio Siamo sinceri: tirarsi addosso un secchio di acqua gelata, facendosi un «auto-gavettone», a prima vista non è propriamente un gesto epocale. E forse nemmeno tanto intelligente. Tanto più se lo fai davanti a una telecamera, pubblicando poi sui social network il video dell’«impresa». Il gioco, peraltro,… continua a leggere
CRISTIANI PERSEGUITATI IN ORIENTE

Pubblicato il 29/07/2014

di Franco Cardini - Europa Cristiani d’Oriente, le colpe dell’Occidente Nel Vicino e Medio Oriente comunità antichissime sono costrette a lasciare le proprie terre perché viste come nemiche e caricate di colpe non loro Ci sono un dramma antico e una tragedia attuale nella storia dei “cristiani d’Oriente”: e più precisamente forse delle “Chiese cristiane arabe”, dal momento che nel mondo genericamente definibile come “orientale”… continua a leggere
l’editoriale odierno del Corriere della Sera, firmato da Ernesto Galli Della Loggia chiede: a quanti di noi importa il genocidio dei Cristiani? . E la risposta è scontata: «A nessuno». PARMA- «A quanti qui in Europa e in Occidente importerà davvero qualcosa dell’ennesima uccisione di cristiani, saltati in aria ieri, a Kano, in Nigeria, per lo scoppio di una bomba in una chiesa? E del… continua a leggere
il Dente Avvelenato PARMA- Continua inarrestabile e perfettamente organizzata, la silenziosa invasione dell'Italia per preparare anche da noi le rivolte sociali che serviranno a tentare di portare il califfato islamico all'ombra del Cupolone. Prove generali di sommossa sono già avvenute a Castelvolturno e siamo certi che sono pronte altre cellule non più dormienti, ben finanziate e pronte a tutto anche in Italia. Settantamila stranieri sono… continua a leggere
Multinazionali che trascinano in giudizio gli Stati per imporre la propria legge e far valere i propri «diritti», non è una supposizione: si contano già 500 casi nel mondo. di BENOÎT BRÉVILLE e MARTINE BULARD Sono bastati 31 euro per far partire lancia in resta il gruppo Veolia contro una delle poche vittorie riportate dagli egiziani nella «primavera» del 2011: l’aumento del salario minimo da… continua a leggere
PARMA- Sono assai preoccupate le nostre fonti che lavorano negli ambienti della sicurezza nazionale italiana, per la inoculazione incontrollata di immigrati sul territorio italiano, su cui è impossibile fare accertamenti.  Si pensa che ogni barcone possa trasportare almeno una decina di combattenti, addestrati in Afganistan, Pakistan, Siria o Somalia.Il territorio italiano ospiterebbe già migliaia di cellule dormienti, secondo quanto ci hanno riferito. Si tratta di… continua a leggere
Milano 24 Giugno 2014 Caro direttore, da tempo non ci sentiamo perchè sono appena rientrato da una piattaforma petrolifera dove sai che lavoro da 1 anno.Dal mio lontano punto di osservazione vedo chiaramente molte tessere di un mosaico di cui nessuno parla:Nelle ultime 48 ore i terroristi islamici sembrano avere stabilito un contatto internazionale, agendo in perfetta sincronizzazione: sei bombe al Cairo, una bomba a Beirut,… continua a leggere
PARMA- Sono assai preoccupate le nostre fonti che lavorano negli ambienti della sicurezza nazionale italiana, per la inoculazione incontrollata di immigrati sul territorio italiano, su cui è impossibile fare accertamenti. Si pensa che ogni barcone possa trasportare almeno una decina di combattenti, addestrati in Afganistan, Pakistan, Siria o Somalia. Il territorio italiano ospiterebbe già migliaia di cellule dormienti, secondo quanto ci hanno riferito. Si tratta… continua a leggere
La Redazione di www.Congedatifolgore.com ha ricevuto oggi la seguente lettera: Egregio Direttore, ho notato che non vi siete occupati dei "taxi" Marina Militare messi a disposizione dal Governo al largo delle coste libiche per trasbordare dai barconi coloro che vogliono entrare nel nostro paese senza documenti ( non scrivo più illegalmente perchè ora , in virtù della nuova legge varata dal Governo, non è più… continua a leggere
di Walter Amatobene PARMA Molti dei Vinti della Folgore e del Nembo , per avere rifiutato di "cooperare" rimasero prigionieri più a lungo; pensiamo ai Leoni di El Alamein, oppure agli internati di Coltano. Le persecuzioni, le epurazioni, gli assassinii di chi rientrò con il "marchio" di non cooperatore, continuarono sino al 1949 e forse anche dopo. Vinti due volte. Il "triangolo rosso" emiliano (… continua a leggere