Stampa

OPINIONI

Un percorso storico-turistico nel centro di Cassino, voluto dall’associazione Albergatori di Montecassino e Linea Gustav, che domenica prossima, porterà all’inaugurazione di una stele, alle pendici di Montecassino, nei pressi della Grotta Foltin, la caverna che nel 1944 divenne posto di medicazione e comando del capitano tedesco Ferdinand Foltin. “A memoria e monito e in ricordo delle vite stroncate dall’assurdità e dalla violenza della guerra”, questo il messaggio scritto sulla stele a forma di paracadute. L'iniziativa ha scatenato le proteste dell’associazione nazionale partigiani.  Ma partiamo proprio delle proteste dell’associazione Partigiani.  “Quanto sta accadendo a Cassino è una cosa gravissima, uno sfregio alla guerra di liberazione in un territorio dove c’è stato un numero altissimo di appartenenti alle truppe alleate che si sono sacrificati per la libertà. Uno scandalo che non si può tollerare e, coinvolgendo anche l’Anpi nazionale, siamo pronti a fare denuncia come abbiamo già fatto per Affile con il mausoleo a Graziani”. Ha fatto sapere Fabrizio De Sanctis, presidente dell’Associazione nazionale partigiani provinciale di Roma. “Siamo di fronte – ha aggiunto De Sanctis – a uno sfregio all’identità nazionale, ancor più grave nel momento in cui vi partecipano le istituzioni. Sarebbe interessante sapere cosa pensano il Presidente della Repubblica per la presenza del sindaco di Cassino”.  Alla cerimonia d’inaugurazione della stele, infatti, parteciperà anche il sindaco Carlo Maria D’Alessandro e il generale Hans-Werner Fritz, presidente della Confederazione tedesca paracadutisti. La stele eretta a fini turistici, come accennato, sarà scoperta lungo via Di Biasio, alle pendici di Montecassino, in onore della Prima Divisione paracadutisti tedesca, che vi trovò rifugio durante i bombardamenti del marzo 1944 nella grotta lunga oltre 80 metri e alta 3, presenza delle autorità cittadine.  Alle proteste dell’asso
Nessuna pietà e nessun ricordo per i Caduti di Cassino. CASSINO- L'ANPI non vuole che siano ricordati i Soldati paracadutisi tedeschi di Cassino, che salvarono il patrimonio storico dela Abbazia. Niente cerimonia di inaugurazione, ieri, della stele in memoria dei paracadutisti tedeschi del 1944, in programma a Cassino, in provincia di Frosinone. La manifestazione si sarebbe dovuta svolgere alle 15 in via Di Biasio, davanti… continua a leggere
immigrati2
Il Dente Avvelenato Minniti dichiara che l'Italia spende per i graditissssimi ospiti non paganti, più di quanto potrebbe. Tutti gli errori fatti dal bimbominchia e anche dal sedicente centrodestra prima di lui, quando ha firmato i patti che ci obbligano a prendere tutti, stanno venendo a galla, per stessa ammissione perfino del Ministro degli Interni, che ha cercato di tamponareanche i danni di angelino. Ricordo… continua a leggere
trieste-bombe
foto sopra: bombe degli "alleati" su Trieste nel 1944 PARMA- La notizia che pubblichiamo non è quella delle presentazione di un documentario, ma il fatto che sia in lingua straniera, che avvenga nella sede RAI e che parli di Italiani passati ad un'altra nazione.Si tratta di un evento culturalmente straniante e che suscita due domande: perchè in lingua straniera ? Perchè è stata scelta la… continua a leggere
funerali-milite-ignoto-1
IL MILITE IGNOTO E…DINTORNI Ho avuto la fortuna e l’onore di partecipare alle indimenticabili cerimonie della sepoltura di Mamma Bergamas al Cimitero degli eroi di Aquileia e del ritorno di Trieste alla Madre Patria. Il giorno 8 marzo 2017,festa della donna,un gruppo di poche decine di donne ha deciso di esibire le proprie nudità davanti alla tomba del Milite Ignoto,dissacrando i valori espressi dal Monumento.… continua a leggere
papa-che
di Corrado Corradi Nell’Angelus di domenica 11 Marzo, , il Papa ha affermato «no alla paura dello straniero» , ma… ed é un papista convinto dell’infallibilità del Santo Padre che esprime la seguente perplessità: se lo straniero fà di tutto, scientemente o in maniera involontaria (tuttavia in maniera istintiva) per spaventare, tentando di prevalere, imponendosi e pretendendo, perché non devo aver paura ? Ma soprattutto,… continua a leggere
foto_autore_corradi
Rilancio quanto ho evidenziato nel precedente articolo circa il razzismo di risulta che alberga nella mente dei migranti clandestini che atterrano sulle nostre coste, e sottolineo: quella forma di razzismo veicolata dalla maggior parte dei clandestini che ci considerano cosi’ cattivi per il nostro passato di schiavisti e colonizzatori tanto da metterci continualmente in mora e pretendere una sorta di risarcimento quantificabile nell’estesa accoglienza senza… continua a leggere
danneggiamenti-kqc-640x360corrierefiorentino-web-firenze
di Corrado Corradi Dopo l’ennesimo dibattito televisivo in cui per l’ennesima volta un cialtrone intellettuale, nel suo sproloquio, ha fatto carta straccia del nostro «primato morale e civile» sostenendo che gli italiani, influenzati dal populismo, sono diventati razzisti e xenofobi … Ripeto quel che vado dicendo fin dalla prima ondata migratoria clandestina che é atterrata sulle nostre coste: é ora di piantarla con le accuse… continua a leggere
ettore-rosato
il Dente Avvelenato Il rosatellum, che già dal nome ci dà il segno del degrado itagliano con la ggì, col suo latino maccheronIco - e ci va bene che non abbiano usato parole inglesi!- è frutto delle "idee" del capogruppo Pd alla Camera. Si tratta della legge elettorale più complicata della storia repubblicana e la più umiliante per i cittadini che non l'hanno capita, me… continua a leggere
oroargento-karate-citi
LIVORNO - Nel percorso agonistico designato dalla ASD Esercito – 187° Folgore di Livorno, il settore giovanile è stato presente, nella regione delle Marche, all’appuntamento del “10° Trofeo di Karate città di Tolentino”, svoltosi domenica scorsa nella provincia di Macerata. La specialità d’interesse a cui hanno partecipato i "folgorini" è stata quella del Kumite “combattimento a contatto controllato”. Due sono stati gli atleti schierati nella… continua a leggere
cassaro-torino-675
di Corrado Corradi Dite ai saviano che dica alle boldrini di chiedere scusa per aver fomentato quest'odio antifascista che ha scatenato gli estremisti di sinistra e i centri sociali nonché quell'isterica e probabilmente ubriaca (di birra e ideologia) docente assurta all'onor della cronaca per la cattiveria che ha vomitato in piazza. Sono curioso di sapere cosa direbbero le boldrini e i fiano e i saviano… continua a leggere