CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 28/09/2017

CIMIC DI MOTTA DI LIVENZA: INCONTRO PER FOCALIZZARE SULLA REAZIONE IN CASO DI INTERVENTO ARMATO

ODERZO.Il 27 Settembre si è tenuto un vertice internazionale, a Palazzo Foscolo di Oderzo: i comandanti delle unità specializzate in cooperazione civile-militare erano stati invitati dal Multinational Cimic Group di Motta di Livenza , addestrato Difesa al coordinamento degli aiuti alle popolazioni civili coinvolte nelle zone di crisi in ambito Nato.

Il tema del Forum ha analizzato le “Operazioni Articolo 5” , che descrive le azioni di difesa reciproca della alleanza e delle reazioni a un attacco armato. Vi hanno partecipato 49 tra comandanti di 19 paesi Nato

L’ex Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Vincenzo Camporini, attualmente vicepresidente dell’Istituto Affari Internazionali, segnala quanto sia importante il ruolo CIMIC « ….Il Cimic quando agisce deve relazionarsi da un lato con tutte le componenti militari; dall’altro, sul terreno, deve conoscere bene le culture, gli usi e i costumi della popolazione locale per ottenerne il consenso, e confrontarsi con i referenti laddove non ci sono le autorità preposte o gli Stati sono in disgregazione. Per fare un esempio, in Libia o Somalia bisogna dialogare con capi tribù o di clan o milizie. Un compito particolarmente delicato. Cambiano le modalità dell’agire ma non la sostanza, che vuole il Cimic operare in linea con le risoluzioni sancite dalle Nazioni Unite».

Il Cimic di Motta, comandato dal colonnello Francesco Greco, attualmente fornisce apparati e uomini in tutte le missioni dei contingenti italiani: Libano, Kosovo, Afghanistan, Somalia. A motta di Livenza convergono circa millequattrocento operatori delle varie forze armate, nazionali e straniere, per orsi di formazione.

A