OPINIONI

Condividi:

Pubblicato il 02/10/2017

COME TI TRASFORMO UNA PORTAEREI IN UN CIRCO , UNA MOSTRA ED UN OSPEDALE GALLEGGIANTE

nascita-immigrato-sulla-nave

La portaerei Cavour ha trovato il suo ruolo, finalmente.Non potendo far decollare aerei che vanno a fare il loro lavoro,perchè sono “cattivi”, nè potendo ospitare truppe aggressive pronte allo sbarco, viene utilizzata volta per volta per i campionati di tiro al piattello ( è vero!!! cercate su google), oppure per far scorazzare gli sgrammaticati “dottori” del motociclismo, oppure, meglio, diventa sala operatoria.
La costosissima nave fece dapprima un giro inaugurale come mostra mercato viaggiante fino in Africa e Medio Oriente, portando stand di produttori di “made in Italy”, poi è stata impiegata come nave cargo per trasportare aiuti umanitari. Poi per far partorire signore nigeriane che hanno trovato comodo abbandonare il loro paese insieme ad altro mezzo milione di traditori della nazione ( la propria) , al nono mese per essere “salvati” e fare belle foto ricordo con l’intero equipaggio che si passava il pargoletto ” niro niro”.
piattello
Ora è la volta di “Un mare di sorrisi”, il progetto nato dalla collaborazione tra la Marina Militare e i medici volontari della fondazione “operation smile Italia onlus”, con l’obiettivo comune di aiutare bambini e adulti affetti da labiopalatoschisi, e da malformazioni o esiti di malformazioni della testa e del collo. Le operazioni chirurgiche avvengono sulla nave Cavour della Marina italiana, dotata di due sale operatorie attrezzate, una terapia intensiva e una sala degenza. Sia i pazienti che i loro familiari vengono accolti e ospitati a bordo della portaerei.
Evidentemente in Italia gli ospedali non sono più affidabili. Meglio usare la portaerei. Non so se complimentarmi con la Marina oppure fare ispezioni “cattive” alle centinaia di ospedali che volta per volta vengono spacciati come tana di topi oppure eccellenze che tutto il mondo ci invidia.