CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 25/03/2020

COSA POSSONO FARE I PARACADUTISTI IN QUESTA EMERGENZA? PARLA IL TEAM FOLGORE PARACADUTISTI PROTEZIONE CIVILE

Per essere operativi nel momento del bisogno , è necessario adeguarsi alle stringenti norme della protezione civile e addestrarsi .

Per informazioni scrivere a team.folgore.prociv@gmail.com

PARMA- Molti paracadutisti  generosamente si sono messi in contatto con i Comuni dove abitano , sia direttamente che tramite il Presidente della propria sezione ANPDI, per dare disponibilità a “dare una mano” in questa drammatica crisi. Dalla consegna di medicinali, ad ogni altra mansione utile, anche la più umile.
Chi non ha la qualifica di “OPERATORE BASICO DI PROTEZIONE CIVILE” -che si ottiene con un corso obbligatorio di 16 ore tenuto di solito dai nuclei provinciali ma spesso anche da singole associazioni numericamente forti, ndr – e di conseguenza non è iscritto ad alcuna Associazione Pro.Civ, è stato respinto, nella maggioranza dei casi.

Il motivo : in caso di emergenza, il Sindaco “apre” nel suo comune un Centro Operativo Comunale ( COC), che è la rappresentativa della Protezione Civile il cui coordinatore è , per legge, il primo cittadino.

Questi si deve avvalere della collaborazione delle associazioni di protezione civile del suo comune che sono iscritte agli albi regionali ed i cui nominativi figurano nel “sistema”, perchè è necessario che ogni operatore sia “formato” e assicurato.

Si tratta di due requisiti indispensabili senza i quali non tutti i Sindaci se la sentono di attivare volontari estranei ai circuiti di legge.

Riepilogando:
1/ ci si iscrive ad una associaizione di protezione civile
2/ si frequenta il corso basico che normalmente viene tenuto ogni 30 / 40 giorni in ogni area
3/ si può iniziare ad operare

Il Team Folgore, ad esenmpio,ha partecipato a diversi corsi grazie alla amichevole disponibilità della protezione civile di Parma e dei Volontari del Garda, riuscendo a qualificare pressochè tutti Soci provenienti da varie regioni d’Italia, compreso il Lazio.
Per informazioni scrivere a team.folgore.prociv@gmail.com

IL TEAM FOLGORE HA SOCI SUL TERRITORIO NAZIONALE
Unità del Team FOLGORE paracadutisti disseminate sul territorio NAZIONALE , in varie regioni italiane , si sono aggregate alle locali associazioni, in quanto già iscritti , assicurati ed abilitati. In alcuni casi è stato necessario un accredito scritto giunto dal Team FOLGORE, il cui centro operativo è a Parma. Con questa procedura e la semplice digitazione del nominativo nel sito della protezione civile nazionale da parte del Comune, il volontario è idoneo ad iniziare ad operare.

Il Team si sta preparando per arrivare alla attivazione centrale, per poi essere lo stesso Team a “spolettare” i nuclei regionali.
La strada iniziata alla fine del 2017 prevede ancora qualche passaggio. Le peculiarità del Team Folgore sono molto specialistiche (ricognizioni in zone impervie, assistenza ad aviorifornimenti, aviolanci, eli atterraggi, coordinamento come conoscitori di area dei soccorsi in arrivo e tanto altro…) , ma in casi di emergenza così grave, non si tirano indietro Il Team Folgore ha regole precise per quanto riguarda l’abbigliamento, il comportamento, la gerarchia interna e le capacità fisiche, che ognuno deve sottoscrivere e rispettare e i risultati si possono notare dai servizi su alcune operazioni del 2019, che potrete leggere qui sotto .
Per informazioni scrivere a team.folgore.prociv@gmail.com

QUALCHE QUALCHE FOTO DI ALCUNI DEGLI ADDESTRAMENTI DEL TEAM