OPINIONI

Condividi:

Pubblicato il 14/12/2019

DOPO L’ALTRA GUANCIA CHE SI FA?

il Dente Avvelenato

Ai nemici pensa nostro Signore e dagli amici il proverbio insegna che ci dobbiamo guardare da soli. Ma da quelli finti molti di noi non sono capaci di farlo. Tu gli lasci la porta aperta e loro, infami, ne approfittano. L’amarezza non è nelle cose che fanno e che scrivono ma nel tradimento alle spalle , che coglie di sorpresa. Per le cose terrene ci sono le querele e si sa che vanno per le lunghe, ma consiglio di farle, perchè prima o poi arriveranno a compimento
Per il Natale, però,si meritano “auguri” speciali.
Cari infami ex amici e traditori:vi auguro di rimanere squallidi e cattivi come siete ora. Vi auguro di venire a sapere cosa le persone che vi stanno vicine pensano di voi. Vi auguro sofferenza e tradimenti, diffamazioni e ingiustizie.
Vi auguro di trovarvi spesso insieme per coltivare le vostre bassezze e rimanere come siete. Vi auguro che non vi pentiate mai.Rimanete così, squallidi e copioni, chè vi fa sentire così a vostro agio.
Non avrete il perdono nemmeno se lo chiederete ma solo la convinta e rinnovata maledizione di coloro che il vostro branco ha morso alla schiena. Nell’attesa che rendiate conto per legge delle infamità, Vi maledico dal profondo del cuore con maggior disgusto perché indossate il basco amaranto di cui non siete degni.