CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 05/11/2015

FOLGORE DI LEGNAGO: CASERMA “INVASA” DAI BAMBINI

Il 4 novembre, la caserma dei guastatori paracadutisti della Folgore, è stata scelta dallo Stato Maggiore dell’Esercito come unica infrastruttura operativa di tutta la provincia autorizzata ad aprire le porte alla popolazione e agli alunni delle scuole del territorio. Dalle 9 a mezzogiorno cittadini e ragazzi, accompagnati dai loro insegnanti, hanno potuto conoscere i mezzi e gli equipaggiamenti grazie alle dettagliate spiegazioni dei baschi amaranto che hanno fatto loro da guida.Gli studenti che hanno preso parte all’evento sono stati circa 500. I bambini hanno avuto modo di visionare alcuni filmati sul ruolo dell’esercito oggi e sul IV Novembre, data che quest’anno ha assunto un significato particolare vista la coincidenza con le celebrazioni indette in tutta Italia per il centenario della Grande Guerra. Subito dopo, i giovanissimi partecipanti hanno raggiunto la Piazza d’Armi per toccare con mano i principali mezzi militari, le attrezzature, i veicoli impiegati nelle movimentazioni di terra ed i piccoli e sofisticatissimi macchinari utilizzati per le operazioni di sminamento. Come sempre, di grande attrattiva per tutti i ragazzi e le ragazze presenti sono state le spiegazioni sull’utilizzo del paracadute, il campo con le tende ed il kit di sopravvivenza dei militari. Alla manifestazione erano presenti anche i sindaci di Legnago e Roverchiara, Clara Scapin e Loreta Isolani, e naturalmente il colonnello Domenico D’Ortenzi, comandante dell’Ottavo Reggimento Genio Guastatori Paracadutisti Folgore, che ha sottolineato ancora una volta l’importanza rivestita dal progetto «Caserme aperte». Non solo per avvicinare bambini e ragazzi agli ideali di servizio e solidarietà incarnati dalle Forze Armate sia nelle missioni all’estero che sul territorio nazionale in caso di calamità naturali o particolari situazioni di emergenza, ma anche per rinforzare ulteriormente quel legame speciale che la caserma ha da decenni con territorio.