OPINIONI

Condividi:

Pubblicato il 09/01/2019

IDENTICA CI SARA’ TUA SORELLA di Corrado Corradi

Accendo la tele su rai 1 e capisco che si parla di cori razzisti contro un giocatore negro… «Siamo identici», parola della Bonaccorti (francamente io non mi considero identico nemmeno a mia figlia ma, se lo dice la tv…).
No, non é sufficiente essere identici, la Bonaccorti chiosa: «anzi, addirittura 70.000 anni fa eravamo tutti negri perché veniamo tutti dall’Africa» (OHh cazzo ! vuoi vedere che mi sono perso qualcosa !? io sono nato a Parma, ho i tratti di un emiliano e francamente non trovo nei miei tratti, fisici e culturali, nulla di identico al moi amico Kalumbo -un Monsignore negro- e anche lui in me non trova nulla di identico a lui).
Non é sufficiente, la Bonaccorti rilancia: «pensate che in Belgio hanno trovato uno scheletro di un negro di 7.000 anni fa con gli occhi azzurri questo perché erano già iniziati gli incroci dei geni»…

Bon, io di solito sono cortese con le Signore pero’ quando é troppo é troppo e a volte non ce la faccio soprattutto quando persone senza arte né parte pontificano come potrebbe (o dovrebbe) pontificare un Papa… A Bonaccorti, ma vatt’a fà na camomilla e smettila di sproloquiare.

Abbiamo capito tutti che leggi Focus, brava, sei riuscita a far passare che leggi riviste impegnate ma non puoi rompere gli zebedei con una improvvisata quanto inattendibile conferenza di paleontologia per far credere che io, emiliano, bianco e tarchiato, sono identico all’amico Monsignor Kalumbo, negro, congolese, e slanciato… e sorvolo su altre differenze di carattere più intimo e anche più psicologico e culturale… eppure siamo amici.

La fregola ideologica di sancire una cosa ridondante come l’uguaglianza tra gli uomini come esseri umani, é ridicola e idiota e porta tutti fuori strada.

E comunque si sappia che non tutto quel che sta scritto su Focus é verità vera, anzi, avendolo letto per un po’ di tempo, ne ho tratto l’impressione che su quella rivista spesso la sfanghino più le puttanate che non le realtà scientifiche. Per cui, calma Signora Bonaccorti.

Richiami a se la sua capacità di critica (se ce l’ha), riponga l’entusiasmo di una facile quanto insipida battaglia contro quei razzisti che hanno gridato «Buhuu» a un giocatore negro ; se fossi stato un tifoso della squadra avversaria oppure se quel giocatore negro avesse giocato male, anch’io avrei gridato BUHUU… é facile raccogliere applausi ciurlando nel manico ed ergersi a paleontologo in un programma rai la cui cifra é la strumentale denuncia contro il razzismo.

Ma… ndo cazzo stà tutto sto razzismo in italia?
Quanti negri sono trattati male in Italia dagli italiani?
Quante azioni «squadriste» sono state condotte contro le comunità negre residenti da noi?
E’ mai possibile che un BUHUU rivolto a un giocatore perfettamente integrato nella sua squadra e che guadagna milioni di dollari l’anno ci induca a considerarlo vittima di razzismo?
E’ mai possibile spacciare per dogma paleontologico considerazioni pseudoscientifiche, per poter finalente urlare che noi italiani siamo razzisti e che le nostre vittime sono in realtà i nostri avi?
Sarà vero, sarà falso che originariamente eravamo tutti negri? (e l’uomo di Pechino, risalente a oltre 700.000 anni fa, era negro anche lui…) Boh! ma soprattutto, chissenefrega!

Il dato di fatto oggettivo é che nella nostra uguaglianza, fortunatamente siamo diversi e vaffanculo a chi mi da del razzista. Veramente, non ho parole per qualificare un tale scempio di intelligenza e onestà intellettuale… solo un MAVAFFANCULO !