CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 21/05/2015

IL CORDOGLIO DELLA DIFESA PER LA MORTE DEL SERGENTE PARACADUTISTA FABIO COMINI

 

IL MINISTRO   PINOTTI ESPRIME IL CORDOGLIO 

Il ministro della Difesa, Roberta Pinotti, appresa la notizia del decesso del sergente dell’Esercito Fabio Comini, ha dichiarato: “La prematura scomparsa del sergente Comini nel corso di un’attività addestrativa di lancio con il paracadute, rappresenta una grave perdita per i suoi cari e per la grande famiglia delle forze armate. Ai familiari del militare e all’Esercito tutto, in questo doloroso momento, vanno le più sentite condoglianze e il sentimento di vicinanza della Difesa e mio personale”.

 

 ha ritwittato

Vicina a familiari Fabio Comini giovane alpino paracadutista EI, vittima incidente addestramento. A Forza armata e famiglia il mio cordoglio

 

MESSAGGIO DI CORDOGLIO DEL SOTTOSEGRETARIO DELLA DIFESA
“La notizia della scomparsa del giovane Caporal Maggiore Paracadutista avvenuta dopo un lancio all’Aeroporto di Tassignano in provincia di Lucca, mi addolora come ogni volta in cui muore un servitore dello Stato, quale era Fabio Comini, nell’adempimento del proprio dovere e in relazione alla specificità della professione di chi indossa una divisa – lo afferma il Sottosegretario alla Difesa, On. Domenico Rossi – che ha voluto esprimere la sua vicinanza ai familiari. “Vi sono particolarmente vicino in questo dolorosissimo momento e vi invio le mie più sentite condoglianze, ha scritto Rossi in un telegramma. La mia sentita personale partecipazione – conclude l’esponente di Governo – va anche all’Esercito italiano colpito da questo gravissimo lutto”.

 

Il cordoglio del Capo di Stato Maggiore della Difesa

 

Il Capo di Stato Maggiore della Difesa, Generale Claudio Graziano, appresa la triste notizia del decesso del Caporal Maggiore Fabio Comini, in servizio presso il 4° Reggimento Alpini Paracadutisti, ha espresso ai familiari del militare e al Capo di Stato Maggiore dell’Esercito profondo cordoglio e sentimenti di affettuosa vicinanza a nome delle Forze Armate e suo personale.