CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 02/01/2017

IL LAVORO DEL SIGGMI E DEL PROFESSOR BONDESAN CITATO IN UN GIORNALE INGLESE CON MILIONI DI VISITATORI AL MESE

Traduzione  libera di un articolo di Peter Schwartzstein del 1.1.17   apparso  su “The Daily Beast”, che  è un sito web di informazione ed opinioni statunitense, fondato e redatto da Tina Brown, ex-editor di Vanity Fair e The New Yorker, ed è di proprietà di Newsweek.

Solo nel 2014 registrava 17 milioni di visite mensili.

L’articolo tratta delle mine ancora presenti nel deserto Egiziano. Nel farlo illustra anche i risultati conseguiti con le ricerche del Progetto El Alamein. Si tratta di un  importante riconoscimento per il professor Bondesan considerata la autorevolezza della fonte:

 

DUNES OF DOOM

The Explosive Secrets of Egypt’s Desert

Peter Schwartzstein

PETER SCHWARTZSTEIN

 (leggete il testo inglese)

I segreti esplosivi del deserto egiziano
La truppe straniere   hanno  lasciato il Sahara dopo la seconda guerra mondiale con un labirinto diabolico di campi minati.
Peter Schwartzstein
PETER SCHWARTZSTEIN

01.02.17 06:00 ET
La seconda guerra mondiale è stata  assai cattiva con l’Egitto. Pur essendo neutrale si trovò spinta nel conflitto quando le potenze europee si sono data battaglia nelle vaste aree delle sue sabbie aride.
Quando la maggior parte delle truppe straniere hanno lasciato i loro carri armati e di sinistra, la guerra rimase in forma di fino a 15 milioni di mine terrestri, molti dei quali continuano a lettiera del Sahara fino ad oggi.
La  eliminazione degli ordigni  è stato il lavoro degli esperti,   dei  soldati e dei  tecnici che lavorano nel settore della esplosiva ogni giorno, ma spesso devono indovinare ciò che è dove e quindi il modo migliore per trattare con essa. E alcuni di loro passano molto tempo nelle biblioteche.

L’esercito italiano è interessato perchè  i suoi soldati hanno preso parte ai combattimenti al fianco della Germania, con migliaia di morti. Alcuni  ufficiali italiani hanno speso anni perlustrando archivi militari vecchi polverosi per cercare di trovare le mappe deli campi minati e anche i resti  dei caduti.
Circa dieci anni fa, un ufficiale dell’Aeronautica Militare italiana ha scoperto decine di grafici del  tempo di guerra e di fotografie aeree in una stanza del ministero  a Roma, che ora vengono messe a frutto identificare i più grandi gruppi di esplosivi in Egitto.
Negli ultimi anni, con l’aiuto di queste mappe, e attingendo alle riviste personali e schizzi di soldati provenienti da tutte le parti, i ricercatori hanno costruito una mappa ancora migliore  dei campi di battaglia  disseminati di mine.
È importante sottolineare che le vecchie carte hanno gli stessi punti di riferimento e utilizzano lo stesso linguaggio come gli scritti esistenti da tempo, dice Aldino Bondesan, professore presso l’Università di Padova e presidente della Società Italiana di militari Geologia e Geografia (SIGGMI), che documenta assiduamente i resti della campagna d’Italia in Egitto. “Abbiamo preso alcuni veterani con noi su uno dei nostri viaggi e identificato alcune delle trincee esatta che occupavano.”
Quando si guardano le distese di nord-ovest dell’Egitto ora, può essere difficile da immaginare che   non molto tempo era  fa uno dei campi di morte  più  sanguionoso  del 20 ° secolo.
Dove una volta enorme tedesco Panzer e divisioni corazzate inglesi MK fracassato a capofitto in uno con l’altro, il tutto in vista di acque quasi incredibilmente blu del Mediterraneo, composti ora gated frequentati dall’elite urbana del Cairo nei mesi estivi si estendono quasi ininterrotta per oltre 70 miglia lungo la costa.

Appena fuori dalla strada  che solca   l’area da est ad ovest ,  a Dabaa, che fu teatro di alcuni dei combattimenti più feroci sulla strada di accesso al Cairo, le autorità egiziane di recente hanno dato  luce verde per  la costruzione della prima centrale nucleare del Paese, finanziata dalla Russia.
Nel 1941, al culmine della seconda guerra mondiale, quando gli italiani e tedeschi guidati dal feldmaresciallo Erwin Rommel, la volpe del deserto, hanno   sfondato le  linee britanniche  in Libia, avanzando  con lì’obbiettivo di  prendere il canale di Suez e tagliare l’accesso di Londra a tutte le importanti giacimenti petroliferi della Persia, questa zona si trasformò in una mischia di 18 mesi, di sangue, bombe e acciaio.
Ci fu una  feroce ultima resistenza appena a ovest di Alessandria, dove  gli inglesi 7a divisione corazzata, conosciuta come la Desert Rats ei loro alleati , contro  massicce fortificazioni difensive. Intorno a El Alamein, nel punto più stretto tra il mare e la sabbia per lo più impervie della Depressione di Qattara, le armate rivali hanno posato  in quel periodo più mine che il mondo avesse mai visto in precedenza.
“Nel 1942, a volte sembra come se avessero piantato vegetali anzichè mine”, ha detto James Moran, capo della delegazione dell’Unione europea al Cairo, che ha contribuito diversi milioni di euro per il processo di sminamento-
Per diversi decenni, almeno dalla fine della guerra, il deserto è rimasto come lo avevano lasciato gli eserciti in conflitto. Tale era il volume di ordigni inesplosi abbandonati , che nemmeno quattro enormi depositi di armi militari intorno alla città moderna di El Alamein sono stati sufficienti a contenere tutto ciò che è stata scavata fino ad ora.
L’industria siderurgica egiziana è stata in grado di sostenersi da decenni di alimentazione delle migliaia di tonnellate di materiale militare contorto abbandonato tra le sabbie,  ci dice Aldino Bondesan
Nei primi anni 1980, quando ingenti riserve di petrolio sono stati scoperti nelle zone colpite, la situazione è cambiata. Tutto ad un tratto Egitto aveva  i soldi seri per  puntare sullo sviluppo del Sahara.