OPINIONI

Condividi:

Pubblicato il 04/10/2017

IL PRESIDENTE DEL SENATO GRASSO A LAMPEDUSA: APRIRE LE PORTE A TUTTI NON SOLO AI RIFUGIATI

Il Dente Avvelenato

Pietro Grasso a Lampedusa ieri, in occasione del ricordo del naufragio del barcone che si era messo in mare sovraccarico, che aveva imbarcato giovani sani e forti ( non malnutriti) e signore incinta di 9 mesi, che scappano dal loro paese anzichè combattere per svilupparlo, ha chiesto che il diritto d’asilo venga riconosciuto non solo a chi scappa dalle guerre, ma anche a chi fugge da fame e povertà, e dunque ai cosiddetti migranti economici.

Lo fa richiamando “l’articolo 10 della Costituzione italiana, che ci ricorda che ‘lo straniero al quale si è impedito nel suo Paese l’effettivo esercizio delle libertà democratiche garantite dalla Costituzione italiana ha diritto d’asilo nel territorio della Repubblica, secondo le condizioni stabilite dalla legge’. Quindi non solo chi scappa dalla guerra, ma anche coloro che fuggono dalla povertà, dalla fame, dalla negazione dei diritti umani hanno il diritto d’asilo. Oggi siamo in marcia verso la porta d’Europa, perché abbiamo l’ambizione di realizzare i sogni dei padri costituenti e per realizzarli devono camminare sulle nostre e vostre gambe”. “Lampedusa è un luogo dove si è fatta la storia del fenomeno della immigrazione- ha aggiunto- Ciò che accade qui è l’immagine di quello che sarà nel resto dell’Europa. Lampedusa è quindi un esempio, un modello da imitare e da seguire”. –
Lo stipendio papale, la pensione da magistrato, la casa di lusso in centro blindato a Roma e gli uomini della sua scorta nel frattempo, gli garantiscono di non sentire e vedere i nostri graditisssssssimi ospiti non paganti.
Devo aggiungere altro, o si è già fatto male abbastanza anche da solo?