CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 12/02/2020

IL SUDORE DI CHI SI LANCIA COL PARACADUTE E IL CONTAGIO PSICOLOGICO DEL CORONA VIRUS

La giornalista Giuliana Mazzoni – il Fatto quotidiano- ( è docente di psicologia alla Sapienza di Roima, ndr) ha scritto un articolo sul corona virus e sulle paure ad esso collegati. Nel corpo del suo pezzo appaiono anche i risultati di alcuni studi che parlano degli odori prodotti da chi ha paura e spiega alcuni fenomeni collegati al comportamento della gente in caso di fatti gravi che trasmettono paura.

Ecco parte del testo:

Nel 2008, in una ricerca sui ferormoni è stato raccolto e nebulizzato il sudore delle ascelle di uomini e donne quando stavano per lanciarsi col paracadute (paura), e quando erano in una situazione normale da sforzo (in palestra). I due tipi di sudore, fatti annusare a un gruppo di volontari ignari, hanno attivato in questi aree cerebrali diverse: solo il sudore da paracadute ha attivato parti dell’ amigdala e dell’ ipotalamo, due aree del cervello tipicamente coinvolte nella paura. La frase banale “l’ odore della paura” ha un fondo di verità: la paura dell’ altro ha un odore, che trasmettendosi, rende la sua paura nostra.
Ma l’ odore è solo uno dei possibili veicoli di contagio della paura.

C’ è anche il fatto che, a molti livelli, gli esseri umani sono esseri sociali e in quanto tali hanno una forma di elevata empatia (nel suo significato neutro). Si parla molto di neuroni specchio, e del loro ruolo nel permettere la relazione sociale. È un dato stabilito che quello che accade all’ altro, di fronte a me, in realtà accade anche a me: se vedo una persona afferrare un oggetto si attivano nel mio cervello, benché io resti ferma e non ne sia assolutamente consapevole, le sue stesse aree motorie, come se io stessa afferrassi l’ oggetto. In modo simile – e attraverso meccanismi cerebrali in parte sovrapponibili – nella relazione con un altro si vivono, sia pure a un livello più debole, le sue stesse emozioni. Per esempio, nel vedere una persona soffrire si attivano aree cerebrali che suscitano una sensazione di sofferenza. In modo simile, se vedo una persona che ha paura, anche io provo paura: e la sua paura diventa la mia.

Il contagio della paura si diffonde come un virus anche a livello sociale. Ne sono testimonianza i fenomeni detti di isteria di massa, che hanno molte manifestazioni interessanti. Tra queste ci sono forme quali le “malattie psicogene di massa” (mass psychogenic illness), un tipo di effetto nocebo. Scoppiano, come vere e proprie epidemie, in luoghi affollati quali fabbriche e scuole, causando sintomi fisici anche gravi. Decine e decine di persone improvvisamente si sentono male, manifestano gli stessi sintomi, e spesso vengono portate in ospedale per accertamenti, senza che venga riscontrato un elemento patogeno reale.

La gente si ammala di empatia con gli altri, e della loro paura di ammalarsi. Questi fenomeni sono dovuti a forme di contagio psicologico, in cui difficoltà respiratorie, nausea, vomito, dolori, ipotensione, dipendono dalla capacità dell’ individuo di “condividere” la paura e i sintomi osservati nel gruppo. Il fenomeno è talmente ampio ed evidente che, da una decina di anni a questa parte, sono stati sviluppati in epidemiologia modelli matematici che considerano il contagio da paura come fattore cruciale.

Nel caso del Coronavirus a questo si aggiunge l’ eco mediatica e la trasmissione tramite social media, che, diffondendo notizie in modo “virale” e, come nel caso dell’ epidemiologo di Harvard non ben documentate, hanno fatto del Coronavirus un elemento che può causare la distruzione dell’ umanità. Come in 28 days later, Outbreak, Contagion. La paura del Coronavirus non nasce dai film, sono i film che nascono dalla paura nei confronti di un qualcosa di alieno, un virus sconosciuto e in quanto tale incontrollabile.

Mentre finisco in pace la mia brioche, mi dico che la paura per il Coronavirus svanirà col tempo, come è svanita quella per altre forme di potenziali epidemie, fortunatamente contenute ( SARS , Ebola, influenza aviaria, influenza suina). Ma il contagio della paura, quello, non passerà. Si sposterà semplicemente su altro. La paura è un’ emozione di base ed è molto potente. È il campanello di allarme che suona in caso di pericolo, che spinge all’ azione ai fini della sopravvivenza individuale e della specie. In quanto tale, è sempre stata e sempre sarà, è necessaria e connaturata con l’ uomo e l’ animale. E io sono contagiata dalla paura? Non so. Tempo di salire in aereo, e per precauzione metto la mascherina, e mi disinfetto le mani.