OPINIONI

Condividi:

Pubblicato il 09/07/2019

IMMIGRAZIONE ILLEGALE- LA DITTATURA DELLA MINORANZA BUONISTA CONTRO IL POPOLO ITALIANO

di Corrado Corradi


In ottemperanza all’etica cristiana, quella del «sia il tuo si un «SI» e il tuo no un «NO», é il momento di parlare chiaro.

Vogliamo capirlo che quelli che prima venivano indicati come profughi, poi migranti, poi ancora migranti clandestini e adesso migranti economici, sono solo persone disposte a delinquere pur di avere qualcosa in più rispetto a quanto hanno nel loro paese? Di sicuro non sono naufraghi (intendendo coloro i quali tentano di sopravvivere ad un incidente navale non voluto) perché quell’incidente (minore) se lo sono procurato ben sapendo che qualcuno li salperà dal mare e li porterà non nel primo porto sicuro utile, ma in Italia!

Vogliamo capirlo che le ONG che sovvenzionano le navi che raccolgono quelle persone sono dedite a due principali attività:
• Una, di marca ideologica, che sfrutta l’equivoco dell’umanitarismo invocando la condizione di profugo e naufrago per cambiare la cifra tradizionale, spirituale e sociale dell’Europa (tra l’altro suscettibile di abbattere la forza lavoro europea a favore di una forza lavoro a bassissimo costo);
• L’altra di matrice meramente materiale… il business, ossia l’incasso di ingenti somme di danaro da donatori, e da dealing con i mercanti di uomini?

Vogliamo capirlo che é ora di smetterla con l’obbligatorietà di un umanitarismo idiota che prevede l’accoglienza di tutti e di tutto, compresi spacciatori, puttane, ladri, violentatori, cannibali, scabbia e tbc?

Vogliamo capirlo che il Papa é «infallibile » solo se parla «ex-Cathedra», ma é criticabile, criticabilissimo, se confonde l’evangelico «SI» e «NO» e se non da a Cesare quel che é di Cesare e a Dio quel che é di Dio?
A maggior ragione se il risultato del suo dissertare fomenta il peggior clero all’odio contro chi non accetta l’obbligatorietà dell’accoglienza?

Vogliamo capirlo che ci tiriamo dentro casa una popolazione di gente incazzata contro di noi perché ci ritiene colonizzatori, crociati, arcigni sfruttatori capitalisti responsabili delle loro miserie? E noi teniamo loro il bordono autoaccusandoci come babbei di nefandezze trapassate che nella maggior parte dei casi attengono a quel processo psicologico definito come «menzogna di Ulisse».

Vogliamo capirlo che delle miserie degli africani sono responsabili gli africani stessi a causa della loro propensione attendista alla quale li abbiamo abituati con la pioggia di aiuti umanitari a schiovere? Vogliamo capire che il sottosviluppo africano é attribuibile al fatto che non hanno saputo (o voluto) e continuano a non sapere/volere imparare a usare strutture e know-how che i «cattivi» coloni avevano lasciato sulle loro terre? (andate a consultare un Calendario Atlante De Agostini e scoprirete quello che negli anni 30-40 l’Italia ha lasciato nelle sue colonie in termini di infrastrutture)

Vogliamo capirlo che una nave straniera che forza un blocco operato da navi militari é una nave pirata e che, se in tempo di pace non é opportuno affondarla a cannonate, va almeno catturata e il personale di bordo arrestato, processato e deve fare almeno un po’ di galera altrimenti domani io forzo il primo posto di blocco dei carabinieri perché mi scappa la cacca (quindi in «stato di necessità») e guai se protestano?

Vogliamo capirlo che quando lo «stato di necessità», proclamato da chicchesia, prevale sulla volontà dello Stato, é lo Stato che muore e con lui svaniscono le sue leggi e nasce la peggiore delle anarchie, quella del più forte, di quello che si arroga con la violenza il diritto di dichiarare lo «stato di necessità»?
Vogliamo capirlo che la Rakete coi capelli a rasta e quei 4 pirla di parlamentari italiani hanno ormai sancito in maniera sgangherata che adesso il nuovo Stato é lo «stato di necessità» che chiunque puo’ invocare e che annulla la potestà ai suoi tutori in uniforme e in borghese (insegnanti, sindaci, questori e prefetti e chi ha un minimo di responsabilità nei confronti del paese)?

La Rakete lo ha capito benissimo (Brigate Rosse e Rote armee fraktion invocavano anch’esse uno «stato di necessità» a giustificazione delle loro malefatte) ed infatti la Rakete non ha esitato a forzare il blocco, ma dubito che quei 4 o 5 pirla di parlamentari lo abbiano capito e dubito che qualora lo avessero capito (oppure lo abbiano capito col senno del poi) siano cosi’ intellettualmente onesti da ammetterlo… nei sarei favorevolmente colpito.

Se non capiamo questi concetti siamo destinati a svanire come italiani e come europei.

Tuttavia… tranquillizza sapere che la maggioranza degli italiani questi concetti li ha capiti; pero’ preoccupa non poco la foga di quella minoranza ai limiti dell’esiguo che dallo starnazzo sta passando a comportamenti da spergiuro, tra l’infido e l’opportunistico.

Non é il momento del pessimismo per cui: Italia in piedi!… e la maggioranza degli italiani, in piedi c’é già almeno dal 04 marzo dello scorso anno, tocca ora ai politici stringersi «a coorte» e ottemperare alle richieste del popolo italiano e se l’esigua minoranza non é daccordo… la democrazia é democrazia… continuerà a starnazzare, nessuno glielo impedirà, ci mancherebbe altro.