CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 07/10/2018

LO SMARTPHONE AI BAMBINI E’ COME UN GRAMMO DI COCAINA. E PER GLI ADULTI? PEGGIO.

W.A.

La specialista della clinica di riabilitazione di Harley Street, Mandy Saligari, lo ha detto alla conferenza di Developing Teenager tenutasi il 6 giugno alla Highgate Junior School di Londra.


Mandy Saligari è psicologa esperta di dipendenze che esercita in una prestigiosa scuola inglese. Nei giorni scorsi ha rivolto un appello ai genitori : evitare di dare ai propri figli smartphone e tablet, perch’ i siti sociali e i programmini -gomma-da-masticare sono altrettanto pericolosamente “narcotizzanti” della volontà come l’alcol e le droghe. Lasciargli èassare il tempo a messaggiare con amici su Snapchat, Facebook, Instagram e Tumblr, è quasi sempre una una dipendenza e genera dsideri compulsivi e crisi di astinenza. Con la adolescenza e l’etò adulta,. quindi, si creerebbero personalità incomplete, non riflessive, diosabituate a ocnfrontarsi con la realtà.


LA VITA E’ QUELLO CHE ACCADE MENTRE TU GUARDI IL TUO SMARTPHONE

Secondo le più recenti statistiche di Ofcom,un ente del Regno Unito che monitorizza questi fenomeni, più di cinque genitori su 10 di bambini di 12-15 anni, hanno difficoltà a controllare il tempo che i loro figli perdono di fronte ad uno smartphone e gli esperti aggiungono che la pratica di condividere immagini di se stessi seminudi e nudi su Internet sta diventando una norma per i tredicenni.

La studiosa è categorica: “Dico sempre alla gente, quando dai a tuo figlio un tablet o un telefono, stai davvero dando loro una bottiglia di vino o un grammo di cocaina dal momento che lavorano sugli stessi impulsi cerebrali“.

L’esperta in genitorialità e relazione ha affermato che c’è un forte aumento nei giovani di 16-20 anni in cerca di cure per la dipendenza dalla tecnologia digitale, attualmente rappresentano due terzi dei suoi pazienti, mentre il rimanente terzo è composto da 13 ragazze di 14 anni che inviano regolarmente foto nude di se stesse a persone sconosciute sui loro dispositivi mobili e considerano questo comportamento completamente normale.
Quali adulti avremo? Quali adulti abbiamo?
Basta gaurdarsi intorno e troveremo la risposta.


FILMATO
students looking into devices at school