CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 27/11/2013

MARESCIALLO DENUNCIA DUE UFFICIALI PER NONNISMO

PARMA- Due Ufficiali sono accusati di nonnismo da un maresciallo dell’esercito in missione , presunta vittima degli scherzi, mentre erano in Bosnia,. Ieri sono stati rinviati a giudizio per violenza privata. I due ufficiali dell’esercito italiano nel corso della missione «Althea di Eufor» in Bosnia , volevano scherzosamente «esorcizzare» un maresciallo con un crocefisso di 50 centimetri ed una ampolla di acqua. I fatti sarebbero avvenuti caserma di Sokalac nell’estate 2010. Guai in vista , quindi , per tenenti A S (35 anni di Terni) e F M (40 anni di Telese), rinviati a giudizio con l’accusa di violenza privata come chiesto dal pm Luca Palamara. I due erano comandante e vice della caserma nella città in provincia di Sarajevo, dove tre anni fa ha alloggiato l’esercito italiano.

I soliti telefonini pirata hanno registrato le scene riprendendo i due ufficiali che imbracciavano il crocefisso mentre entrano nella stanza del maresciallo Luca Taddei, 27anni, di Velletri. Il sottoposto è svegliato dalle risate dei suoi superiori che urlano «diavolo esci dal corpo di Taddeus». Taddeio ha denunciato anche di essere stato maltrattato in altri casi.: sembra che l’abbiano costretto “a compiere i lavori più umilianti della caserma”. E in numerose occasioni lo hanno insultato: Il maresciallo ha chieso e ottenuto l’appoggio di alcuni dei commilitoni, che hanno registrato gli atti di goliardia.