CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 11/04/2017

NOTIZIE DALLA ASD ESERCITO 187mo PARACADUTISTI FOLGORE

“Tecnici e Atleti con le Stellette”

Un week end ad alta prestazione è stato quello scorso, per gli atleti del Settore Giovanile della ASD Esercito – 187° reggimento paracadutisti “Folgore” di Livorno, che dalle ore 18.00 di sabato, ha preso parte ad un “tour tecnico” al fine di elevare la performance nella specialità del Kata (forme) stile Shito Ryu. Il direttore del training agonistico è stato condotto dall’ospite d’eccellenza il C.le Magg. Scelto Luca Brancaleon, plurititolato (Campione del Mondo Juniores 2001, Campione Euorpeo 2003, 6 volte Campione Italiano Assoluto, vincitore del circuito Premier League 2013) in forza all’ Esercito Italiano, dedicando interventi mirati ad una crescita attenta ed evolutiva.

Oltre alle due ore di allenamento della sera, la formazione ha proseguito la domenica, mattina e pomeriggio, con la partecipazione delle associazioni Centro Arti Marziali CAM – Lucca, dell’Okinawa Karate di Venturina – LI e Shin-Do Karate Rosignano – LI, invitate per l’occasione e già in collaborazione nel circuito “Multisport Marziale” attinente alla preparazione multilaterale giovanile e avviamento allo sport olimpico del Karate.

A supportare l’iniziativa dei “baschi amaranto” il Dott Alessio Martelloni, preparatore atletico del Multisport Marziale, ha presentato dei protocolli di attivazione specifica orientati all’ottimizzazione della capacità di controllo motorio, maturati in occasione del corso di specializzazione dell’ International Strength & Conditioning Institute (diretto dal Prof. Carlo Buzzichelli) “Speed & Conditioning Specialist – SCSTM”. I protocolli sono strutturati in maniera tale da ottenere la massima attivazione di controllo neuromuscolare degli atleti per ottimizzare l’espressione di forza. Rapidità segmentaria, attivazione del Core (corsetto addominale), e capacità di trasferimento dell’energia dal treno inferiore a quello superiore sono le chiavi per un ottima performance nel kata. Tali “item” sono stati il focus di allenamento creando una sinergia e una continuità didattica dalla preparazione atletica a quella tecnica specifica tenuta dal campione.