OPINIONI

Condividi:

Pubblicato il 30/04/2020

PREVISIONI PER L’ITALIA : BANCAROTTA E TUMULTI?

di Corrado Corradi

Non ci vuole un acume particolarmente sviluppato per capire che siamo sull’orlo della bancarotta e, peggio ancora, su quello della protesta sociale ai limiti della rivolta.

Il tessuto istituzionale é deteriorato da contrapposizioni stile i capponi de «I promessi sposi» che si beccano a vicenda mentre comunque stanno andando verso la pentola… basti pensare a:
• Un governo che va avanti a DPCM spesso improponibili che scavalcano di fatto il parlamento;
• I costituzionalisti che lanciano l’allarme per questa insolita deriva;
• Un parlamento che di fronte a questa crisi si presenta diviso, con una opposizione che legata e imbavagliata dai DPCM non puo’ fare il suo mestiere di opposizione e una maggioranza suddivisa in cui c’é chi in maniera poco convinta sostiene il governo, chi fa capire di essere in attesa del tanto peggio tanto meglio e chi il governo lo sotiene trinariciutamente sfidando addirittura il ridicolo.
• Gli scienziati che hanno detto e continuano a dire tutto e il contrario di tutto e i tecnici che disquisiscono di «App» e di algoritmi cercando di interpretare il futuro prossimo con la stessa credibilità dei vaticinatori antichi… una task-force di menti eccelse e strapagate per dirci che dobbiamo lavarci spesso le mani, mettere le mascherine e tenere le distanze (gli stessi provvedimenti del 1918-1920 quando imperversava la «spagnola» e gli scienziati non andavano in TV da Fazio Fabio).
• Una burocrazia che non schioda ma che arriva a presentare la fattura di funerali «farlocchi» e non intende far nulla per snellire le pratiche necessarie a sostenere le piccole imprese.
• Le Forze dell’Ordine demansionate che, giocoforza, scivolano ogni tanto nel ridicolo (i due carabinieri che hanno interrotto la messa e quel polziotto che rincorreva il runner sulla spiaggia senza riuscire a prenderlo ne sono due esempi).
• Non fa parte delle istituzioni ma in questo panorama si inserisce anche la Chiesa che, sotto Bergoglio meno Chiesa non si puo’.

Ho smesso di incazzarmi per l’idiozia manifesta di un governo come questo e non posso non evidenziare che i connotati del covid-19 abbiano qualcosa di satanico: é capitato proprio nel momento in cui in Italia imperversa il peggior governo di sempre.
Ma soprattutto non si puo’ non rilevare un fatto palese: questo governo, ma più in generale la classe politica che mena il torrone, é completamente distaccata dalla realtà e non si rende conto che ci sta portando dritti dritti alla bancarotta, alla tragedia sociale e ai tumulti.