OPINIONI

Condividi:

Pubblicato il 02/07/2019

PROMEMORIA DI CONGEDATIFOLGORE AI NAVIGANTI

foto sopra: il vetro di un Lince, in Afghanistan, dopo una lunga battaglia a Farah. Foto di Walter Amatobene


PROMEMORIA PER I NUOVI E “VECCHI” LETTORI – CHI SIAMO
aw
PARMA- CongedatiFolgore.com c’è dalla fine del 1998. Siamo iscritti al Tribunale di Parma come quotidiano e ci siamo assoggettati alle regole deontologiche dell’Ordine dei Giornalisti cui è iscritto il direttore.
Volevamo dimostrare che, pure l’informazione viene meglio se fatta da paracadutisti.
Abbiamo speso 21 anni per dare ai paracadutisti in congedo e più in generale a tutti i paracadutisti dell’ANPDI, uno strumento di informazione gratuito, puntuale, credibile, veloce, aggiornato, con un server dedicato e reattivo. Abbiamo fatto tanti chilometri, speso tanto tempo,dedicato tante giornate lavorative, tante notti, per pubblicare puntualmente, seriamente, professionalmente, notizie su paracadutisti in servizio e in congedo ,sull’Esercito italiano, sulla Folgore e sulle Forze Armate.
Siamo nati nell’anno della campagna successiva al “Caso Scieri”, quando la “stampa” snobbava gli argomenti militari e non era così “amica” di chi indossava le stellette, nè lo era della Folgore. Siamo stati come le formichine, portando una briciolina di consenso a favore dei nostri riferimenti in Uniforme.
Abbiamo mantenuto il “faro” puntato sui loro lati positivi, perchè a quelli negativi erano -e sono tutt’ora- attentissimi “gli altri”.
Abbiamo organizzato e sponsorizzato eventi, staffette; siamo stati protagonisti principali della partenza del Museo dei Paracadutisti di Pisa sin dal 2002, quando ancora non esisteva nemmeno il luogo dove farlo e successivamente abbiamo contribuito in modo tangibile; siamo stati co-protagonisti -e motore- del Progetto El Alamein, del Progetto Tricolore ed ora del ripristino del Museo al Sacrario Italiano. Abbiamo costruito un modo di informare su fatti militari,dinamico e moderno, mettendoci però valori quali lealtà e rispetto di chi è in armi.
Siamo stati ripagati con attenzione e stima ad ogni livello, ma siamo sicuri sia utile ricordare ai più giovani “naviganti” oppure a coloro che si sono avvicinati da poco al mondo dei siti sociali, cosa siamo e che progetto c’è nel nostro DNA. Non siamo solo titoli, sfogliate le nostre 400 paginem.


I siti sociali , dove c’è una costante pubblicazione di ogni genere di notizia, non ci hanno penalizzato. Anzi: negli ultimi tre anni abbiamo continuato a crescere.
Ogni mese abbiamo 260mila singoli indirizzi IP che ci seguono ( sotto la legenda per comprendere il significato del dato, ndr) . Da due anni non scendiamo mai sotto le 370mila visite in 30 giorni. Le nostre pagine sono a disposizione, così come i nostri spazi per pubblicare ed essere letti in modo più stabile, meno “passante”.
Una preghiera: pubblicate liberamente foto esd articoli, anche senza chiederci permesso, ma ricordatevi di scrivere dove le avete prese.
E’ un piccolo riconoscimento a chi le ha pubblicate. Siamo tutti volontari e lo facciamo davvero “per la patria”.

Buon proseguimento a tutti.