CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 10/11/2018

RASSEGNA STAMPA: MUORE ITALO STRACCIA PARACADUTISTA DI EL ALAMEIN

IL RESTO DEL CARLINO DEL 10 OTTOBRE 2018
SAN BENEDETTO E GROTTAMMARE pag. 15

E’ morto Italo Straccia, reduce di El Alamein

LA COMUNITÀ di Massignano questa mattina alle ore 10, nella chiesa di Santa Maria della Misericordia, darà l’ultimo saluto a Italo Straccia, ex paracadutista della divisione Folgore, eroe, reduce vivente, della battaglia di El Alamein del 1942. Aveva 97 anni ed è morto all’ospedale di San Benedetto, dove di recente era stato ricoverato a seguito della frattura accidentale di un femore. Era personaggio molto conosciuto a Massignano e non solo, poiché era stato per decenni il meccanico del paese ed aveva anche gestito una pompa di carburante nella piccola località collinare del Piceno. Per due mandati era stato anche presidente della Pro Loco. Cavaliere di Vittorio Veneto, nel mese di luglio scorso aveva ricevuto la visita di una delegazione composta da parà della Folgore e dagli ufficiali in congedo dell’Unuci di San Benedetto con il presidente della sezione Ufficiali in congedo d’Italia, Beniamino Maddalena. Alla cerimonia di consegna dell’attestato di benemerenza fu presente anche il sindaco di Massignano, Massimo Romani. L’INIZIATIVA fu pensata ed organizzata da Renzo Santori, massignanese doc, con la collaborazione di Alberto Vallerani. La sua assenza alle manifestazioni indette dal Comune per la ricorrenza del 4 novembre era stata notata in paese, suscitando non poche preoccupazioni. Italo Straccia partì per il servizio militare nel 1940, all’età di 19 anni, ed andò in Sardegna per poi entrare nel corpo della Folgore. Prima partecipò alla battaglia di Tobruch e poi a quella di El Alamein con il comandante Rommel contro l’esercito inglese al comando di Montgomery. Oggi, per l’ultimo saluto, è prevista la partecipazione dell’amministrazione comunale e dei rappresentanti della Folgore, oltre alla comunità massignanese. Marcello Iezzi

Corriere Adriatico Ascoli
data: 10/11/2018 – pag: 41
L’addio a Straccia parà della Folgore

MASSIGNANO Massignano piange Italo Straccia, reduce dell’epica battaglia di El Alamein. L’ex parà della Folgore è infatti morto giovedì mattina nel suo paese natale all’età di 96 anni. I funerali saranno celebrati questa mattina nella chiesa di Santa Maria della Misericordia di Massignano. Classe 1921, Straccia partì nel 1940 all’età di 19 anni per svolgere il servizio militare in Sardegna, fece poi richiesta per arruolarsi nei paracadutisti della Folgore superando il duro corso di addestramento di Tarquinia.
Le battaglie
Fu inviato a combattere prima a Tobruch via terra poi come paracadutista a El Alamein dove le truppe Italo-tedesche erano guidate dal Comandante Rommel contro gli Inglesi di Montgomery. Fu uno scontro cruento, durissimo e decisivo per lo sbarco degli anglo-americani in Sicilia che vide la morte di molti soldati e la sconfitta delle truppe italo-tedesche. Interi reparti dell’Asse, soprattutto italiani, furono costretti alla resa perché sprovvisti di veicoli a motore. Il ripiegamento venne inoltre ritardato dagli ordini di Adolf Hitler che imponevano una resistenza estrema sul posto, nonostante il parere contrario del feldmaresciallo Rommel. Gli inglesi riconobbero la resistenza della Folgore. Winston Churchill disse nella Camera dei Comuni per rendere onore all’eroico sacrificio dei soldati italiani a El Alamein: «Dobbiamo inchinarci davanti i resti di quelli che furono i Leoni della Folgore». Straccia fu fatto prigioniero insieme ai suoi commilitoni dagli inglesi e trasferito ad Alessandria di Egitto dove svolse l’attività di meccanico, professione che avrebbe poi svolto nel resto della sua vita. Tornò in Italia nel 1945 e a Massignano aprì una pompa di benzina che si trovava proprio all’ingresso del paese. Dopo l’inaugurazione del Monumento ai Caduti avvenuta 14 giugno 1970, ma soprattutto dopo la guerra fu attivissimo organizzatore della Ancr (Associazione Nazionale Combattenti e Reduci) e ne fu presidente fino al 2008. Artefice di numerose iniziative in collaborazione con la parrocchia e l’amministrazione comunale è stato per molti anni presidente della locale Pro Loco.
La visita
Appena qualche mese fa Straccia aveva ricevuto la visita di una delegazione composta da exparà della Folgore e dagli ufficiali in congedo dell’Unuci di San Benedetto e, proprio nei giorni scorsi, era stato costretto, a causa delle sue condizioni di salute, a non partecipare alle commemorazioni per il IV Novembre mentre quest’estate era stato festeggiato, in Comune a Massignano, dai parà della Folgore e dagli ufficiali in congedo dell’Unuci della sezione sambenedettese che oggi, al funerale del novantaseienne, presenzieranno in uniformeper rendere omaggio al parà scomparso che ha sempre tenuto vivo il suo spirito militare ed ha sempre vissuto con orgoglio la propria appartenenza alla Folgore.




VIVERE SAN BENEDETTO DEL 10 NOVEMBRE 2018
Massignano: il parà Italo Straccia ci ha lasciati, uno degli ultimi superstiti di El Alamein

09/11/2018 – È deceduto nel pomeriggio di giovedì 8 novembre 2018 all’età di 96 anni, Italo Straccia, uno dei pochi superstiti dei paracadutisti della Folgore nella storica battaglia di El Alamein del 1942, combattuta in terra d’Egitto.

Per molti anni è stato l’anima della locale ANCR (Associazione Nazionale Combattenti e Reduci) rivestendo la carica di Presidente. In occasione della ricorrenza del IV novembre 2018 è stato ricordato ed omaggiato dagli Ufficiali in congedo dell’UNUCI di S. Benedetto del Tronto con l’urlo dei paracadutisti, ripetuto per tre volte: “Folgore”.

Nell’estate scorsa ha ricevuto per mano del presidente dell’UNUCI una onorificenza come “Leone della Folgore” per le eroiche gesta della battaglia di El Alamein della divisione Folgore ed iscritto come socio numero uno all’Associazione Benefica dei Paracadutisti con sede a Brescia.

I funerali avranno luogo sabato 10 novembre 2018 alle ore 10:00 nella chiesa parrocchiale di S. Maria della Misericordia di Massignano.