CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 16/08/2017

TEAM FOLGORE: LANCIO IN ONORE DI SAN ROCCO – IL SANTO CON IL CANE

sanrocco11preghiera
foto sopra: cortesia Sabrina Chiastra

PARMA- Il Team Folgore Paracadutisti la mattina del 16 Agosto, si è lanciato a Cazzola. sulle colline parmensi, nella giornata dedicata a San Rocco, suo patrono, atterrando di fianco alla Maestà del 1300 poco lontano dalla Chiesa, alla fine della Santa Messa.
La devozione al Santo  è secolare in quella Frazione e in molte località dell’appennino parmense.
Dice la storia che San Rocco , nel 14mo secolo, sopravvisse all’isolamento di appestato grazie al suo fidato amico a quattro zampe che gli portò da mangiare quando era respinto da tutti. Simpatici sia il Santo che il suo cane.  Immaginate quindi quanto volentieri il Team aderì, tre anni orsono, all’invito di Don Andrea di far parte delle celebrazioni. Favore ricambiato, perchè  don Andrea è un grande amico dei baschi amaranto e non perde occasione per dimostrarlo da tempi non sospetti, perfino durante le omelie.

Oggi ha celebrato la funzione in una chiesa stracolma di Fedeli. Dopo la Santa Messa, i paracadute in volo ed un atterraggio perfetto hanno contribuito a creare allegria tra i moltissimi spettatori ed i tanti bambini.
I parrocchiani cazzolesi hanno offerto il rinfresco, che ha creato un ulteriore bel momento di convivialità.
Quella del Patrono San Rocco è una tradizione cui il Team Folgore è onorato di contribuire  e che ogni volta richiama sempre più abitanti della Frazione -quest’anno c’erano proprio tutti- insieme ai molti che a Cazzola trascorrono solo l’estate. I mumerosi baschi amaranto, prima del brindisi, si sono riuniti davanti alla Maestà che domina la collina, per recitare la Preghiera del Paracadutista, nel silenzio dei tanti presenti.
Dopo il “rompete le righe” ed il “Folgore”, un applauso scrociante ha dimostrato il sincero apprezzamento dei Cazzolesi.
Erano presenti i paracadutisti Giorgio Cenci ( speaker e D.E.), Lorenzo Sassi, Claudio Vitali, GianMarco Pagliari, Gaetano Canetti, Piero Davighi, Pietro Del Grano ( DL) Walter Amatobene, due lombardi Maurizio Franco Vismara e Massimo Taddei ( Anpdi Monza) e alcuni congedati, di cui due con il basco verde. A noi del Team le cose piacciono così:  rustiche  e sincere.
PILOTA: IL NEO CAMPIONE MASTER AI CAMPIONATI MONDIALI DI BELLINO: STEFANO CORRADINI

 San Rocco  morì il 16 agosto del 1377 ( alcune fonti parlano invece del 16 agosto di  un anno tra il 1376 ed il 1379).
Viene raffigurato sempre con l’animale che lo nutrì quando si ammalò di peste a Voghera, mentre rientrava a Montpellier, dove era nato.

img-20170816-wa0031

san-rocco