ADDESTRAMENTO

Condividi:

Pubblicato il 21/06/2020

TEAM FOLGORE PROTEZIONE CIVILE – INVITO DELLA PROTEZIONE CIVILE PEDEMONTANA PARMENSE E RICOGNIZIONI DI ZONE LANCIO


PARMA- DOMENICA 21 GIUGNO . Il Nucleo parmense del Team Folgore Protezione civile è stato invitato a fare una presentazione delle sue attività durante un campo addestrativo di Protezione civile della Unione pedemontana, che raggruppa diversi comuni della provincia parmense. La presentazione è avvenuta nella cittadina di Traversetolo in occasione della inaugurazione di nuovi equipaggiamenti da campo. Erano presenti i sindaci di Traversetolo, Montechiarugolo e Neviano degli Arduini e numerosi volontari.Il paracadutista Giorgio Cenci,che fungeva da capoteam, ha commentato le procedure del nucleo mentre approntava una zona lanci ed effettuava i rilievi di pattuglia guida. Dall’incontro è nato il forte interesse del giovane ed attivissimo presidente della struttura, Alessandro Uccelli, che ha chiesto al Team di farsi tramite cn la Brigata Paracadutisti Folgore per ” omologare” all’aviorifornimento alcune delle attrezzature e una ambulanza fuoristrada e di svolgere addestramenti congiunti anche a Pisa e Altopascio.
La AP protezione civile di Traversetolo dispone di un nucleo cinofilo e di svariati mezzi di soccorso, che il presidente ha messo a disposizione del Team.


CENSIMENTO E MAPPATURA DI TRE ZONE LANCIO
Nel pomeriggio il Team si è recato in pattuglia appiedata preceduta da una staffetta apripista in moto, nell’area collinare del paese a circa 8 chilometri. Obiettivo era classificare tre nuove zone lancio in un perimetro con diverse di case sparse e piccole strade di collegamento, una delle quali interrotta per frana e chiusa al traffico, che ha obbligato la staffetta ad un percorso fuori strada. Le schede delle zone andranno ad arricchire l’archivio dei censimenti delle aree raggiungibili con aviorifornimento o aviolancio o elisbarco, nel caso si renda necessario un intervento dal cielo .
Come sanno i nostri lettori, lo scopo peculiare del Team è di identificare tramite i suoi nuclei di prontezza, le zona a rischio di isolamento per strade interrotte o lontananza dai soccorsi, censendo zone lancio che le rendano raggiungibili con aviorifornimenti e lanci di pattuglie guida ed operatori in grado di fornire le prime 72- 96 ore di assistenza, dosando le richieste di soccorso sulla base delle reali necessità.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Leggi anche