EL ALAMEIN

Condividi:

Pubblicato il 31/10/2008

TRE GIORNI DEL RICORDO DI EL ALAMEIN DELLA SEZIONE DI PARMA ( E DEL NOSTRO SITO)

le foto sono di Fulvio Cenci, che le ha scattate in condizioni di luce e operative difficili, vista la folla che ha partecipato

PARMA- Si sono conclusi con un successo organizzativo e di partecipazione di paracadutisti,di pubblico e di ospiti, a Parma, nella splendida cornice di Piazzale della Pilotta, i “tre giorni del ricordo dei Leoni della Folgore”.

La cerimonia col lancio, proposta dall’onorevole Paglia e dal nostro sito -che è stato sponsor e co-organizzatore- è stata ideata per condividere con i Paracadutisti di Parma una ultima giornata del ricordo, dopo la Staffetta degli ideali di Venerdì 24 e la Festa del 25 a Livorno.

Si è trattato di uno sforzo fisico, organizzativo ed economico, notevoli, che abbiamo condiviso con molti paracadutisti di tante città italiane, mettendo alla prova con successo il cameratismo che emerge in queste occasioni importanti. Siamo molto soddisfatti di avere dato una ottima copertura giornalistica agli eventi, con migliaia di visite al sito mentre gli eventi erano in pieno svolgimento. Una sorta di “diretta” all’altezza delle migliori redazioni.

E ora , la cronaca dell’ultimo emozionante impegno.

PARMA- Domenica 26 Ottobre ore 11 e 15: uno spettacolare e difficile lancio sul centro della città ha dato il via ad una toccante celebrazione del ricordo, alla presenza dell’Onorevole Paglia, la medaglia d’oro al valor militare di cui andiamo orgogliosi, con tutti i labari delle Associazioni e un pubblico e Autorità da grandi occasioni.

Due Paracadutisti in Uniforme storica -dopo il lancio,riuscito perfettamente- hanno condotto con un ordinato e uniforme corteo, centinaia di ospiti fino al Monumento ai Caduti.

Subito dopo sono stati pronunciati i discorsi del rappresentante del Sindaco, il saluto del Comandante della Folgore,rappresentato da un drappello dell’8° Reggimento, quello dell’Onorevole Paglia e del Leone della Folgore Giorgio Peruzzi, indisposto, che ha inviato alcune righe di partecipazione.

Palpabile commozione e tensione emotiva tra i presenti, mentre le note del silenzio, suonate da una tromba bravissima, hanno fatto venire a molti il groppo in gola.

Un’ora di orologio in tutto, sobria ma intensa, che ha ripagato tre settimane di intenso lavoro di squadra.

Presenti -per il Comune- gli Assessori Monteverdi e Bernini e i consiglieri Moine e Mora (paracadutista), la dottoressa Barraco col suo assistente dr Ghidini, cerimonieri del Comune, i Paracadutisti hanno guadagnato i complimenti di tutti e la promessa di farla diventare una tradizione.

Un successo che premia la collaborazione con i migliori (e fortunatamente ancora assai numerosi) uomini della sezione di Parma dell’ANPDI.

Un nutrito gruppo di Paracadutisti impeccabili, attenti, coinvolti,uniformi,entusiasti e intelligenti – e soprattutto superiori ad ogni meschinità- si è speso per giorni insieme a Walter Amatobene, per realizzare un progetto lanciato dall’Onorevole Paglia, che il webmaster e Giovanni Conforti, istruttore senior e solido punto di riferimento della sezione da venticinque annni, hanno messo in piedi in pochi giorni solo grazie alla collaorazione di tutti.

Ulteriori volani dell’iniziativa sono stati i paracadutisti Pietro del Grano e Camillo Scotti , coadiuvati dai “soliti” Giorgio Cenci (impeccabile speacker e comandantante pattuglia guida) e Fulvio Cenci, che, dopo la co-organizzazione della partecipazione del sito alla staffetta e alla Festa, ha pure fatto il servizio fotografico, che pubblicheremo in galleria fotografica entro mercoledì, insieme a tutte le altre della “tre giorni”.

Giovanni Mazzitelli, Giovanni Conforti, Pietro del Grano e Walter Amatobene ( in ordine di uscita),hanno avuto il privilegio di lanciarsi nel cielo sopra il centro storico di Parma, con una meteo perfetta.

La “Pilotta”, come la chiamano da secoli i parmigiani, nonostante il nome inadeguato di Piazzale della Pace, è una piazza-gioiello incastonata nel salotto cittadino, infestata da gruppi di immigrati illegali che la insozzano e la rendono impraticabile di giorno e che il Comune pulisce quotidianamente spendendo migliaia di euro per mostrarla bellissima com’è, ai turisti che a migliaia visitano la mostra del Correggio.

Per qualche ora è ritornata italiana, grazie ai paracadutisti e ai due tricolori in volo di Conforti e Amatobene.

La Brigata Folgore ha partecipato con uomini impeccabili dell’ 8° Guastatori, che rappresentavano il Comandante Castellano.

Carabinieri, Finanza, Polizia Penitenziaria ,Polizia di Stato e Poizia Municipale si sono schierati a fianco dei Paracadutisti e hanno dimostrato di apprezzare l’iniziativa. La protezione civile , attivata dal loro delegato provinciale Giorgio Cenci, era massicciamente presente per la sicurezza in zona lancio.

Il Comune anche. A tutti avevamo dato pochissimo tempo.

Tutto è partito il 12 di Ottobre, compresa la richiesta di NOTAM.

E’ stato un successo degli ideali.

Tutti hanno collaborato, tranne rarissimi casi, di cui parleremo a riflettori spenti (ma sito delle news acceso…)

Alla fine, in partenza per Caserta, la medaglia d’oro Paglia è stata salutata con un tonante Folgore da un picchetto che rappresentava tutte le forze schierate in campo la mattina.