CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 15/03/2019

VACCINO AD UN MILITARE CHE PRENDE L’EPATITE. RISARCITO

CATANIA – Il Tribunale di Catania ha esaminato il caso di un militare che ha contratto l’epatite cronica prima di partire per una missione all’estero. Il ministero della salute è stato condannato a 3 milioni di risarcimento, ritenendolo responsabile del danno causato.
Nel 2000, prima di partire in missione, il militare aveva ricevuto, in sole 96 ore, sette vaccini, incluso quello contro le epatiti A e B. Nel 2002 ha avuto i primi sintomi e, approfondendo le indagini, nel 2009 gli veniva diagnosticata una «epatopatia cronica di natura da definire».

Dopo un diniego della commissione militare medica sul nesso causale tra vaccino ed epatite, il militare ha iniziato la causa presso il Tribunale del Lavoro di Catania

Il giudice civile , alla fine ha considerato come responsabile il ministero, per la mancanza di esami preventivi finalizzati ad accertare la capacità del militare di assorbire una dose così massiccia di vaccini e per accertare anche eventuali stati di immunodepressi tali da sconsigliarne la inoculazione in quel periodo specifico-

Durante il dibatttimento è emersa anche la raccomandazione di non effettuare vaccinazioni pochi giorni prima della partenza perché la temporanea immunodepressione
provocata può eterminare un aumento del rischio di contrarre o la stessa malattia per cui è stata fatta la vaccinazione o altra patologia.