CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 17/09/2020

17 SETTEMBRE 2009 E 2010- LA FOLGORE COLPITA AL CUORE

17 SETTEMBRE 2009 – Una potente autobomba colpisce un convoglio di blindati in viaggio dall’aereoporto alla base ISAF di Kabul

6 paracadutisti morti.


Foto sopra: il cippo all’interno del Comando Isaf di Kabul che ricorda i Caduti della Folgore. La lapide fu posata durante l’incarico di capo di stato maggiore ISAF del Generale di corpo d’armata Marco Bertolini.

 

 

Roberto Valente, sergente maggiore, 187º Reggimento

Matteo Mureddu, primo caporal maggiore, 186º Reggimento

Antonio Fortunato, tenente, 186º Reggimento

Davide Ricchiuto, primo caporal maggiore, 186º Reggimento

Giandomenico Pistonami, primo caporal maggiore, 186º Reggimento

Massimiliano Randino, primo caporal maggiore, 183º Reggimento “Nembo”

 

”Mi avevi promesso: me la caverò”, sono le parole di Sandro Fortunato al fratello.
Zueca, la ragazza che ad ottobre avrebbe sposato il primo caporalmaggiore Pistonami, scrive: ”Chissà se hai fatto in tempo a leggere quell’sms la mattina del 17 settembre, quando tutto è finito”.

Fra Gigino Petrone al caporalmaggiore Randino: ”Hai sempre avuto fede. Il tuo primo stipendio a noi francescani affinché ricostruissimo la chiesa danneggiata dal terremoto”

 

17 SETTEMBRE 2010: MUORE IN COMBATTIMENTO L’INCURSORE TENENTE ALESSANDRO ROMANI

 

«Incursore, interveniva, con la sua unità, nel tentativo di catturare degli insorti intenti a posizionare un ordigno esplosivo sul ciglio di una strada. Dimostrando spiccato coraggio e somma perizia, nel corso dell’azione esponeva scientemente la propria vita a manifesto rischio per contrastare la reazione ostile. Gravemente ferito, negli ultimi istanti di vita anteponeva il dovere alla propria incolumità, preoccupandosi del buon esito della missione e delle condizioni di salute dei suoi uomini. Splendida figura di ufficiale che, con il proprio estremo sacrificio, ha dato lustro all’Esercito nel contesto internazionale. Farah (Afghanistan), 17 settembre 2010 »
— (Farah (Afghanistan), 17 settembre 2010)

Leggi anche