CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 11/04/2021

DOMENICA “ESPLOSIVA” PER I GUASTATORI PARACADUTISTI DELLA FOLGORE

Lugo (RA), 11 aprile 2021. Gli artificieri dell’Esercito Italiano dell’8° reggimento genio guastatori “Folgore” sono intervenuti nella città di Lugo (RA) per disinnescare un pericoloso residuato bellico risalente al secondo conflitto mondiale.


L’ordigno, una bomba d’aereo di fabbricazione statunitense dal peso di 100 libbre (45 Kg) ad alto potenziale esplosivo, è stato rinvenuto nel corso dei lavoro di scavo per la bonifica del canale Emiliano Romagnolo, e prontamente posto in condizioni di sicurezza da un team di specialisti dell’8° reggimento Genio Guastatori Paracadutisti “FOLGORE” di Legnago (VR).
Le delicate operazioni di bonifica, coordinate dalla Prefettura di Ravenna e dal Comando Forze Operative Nord di Padova, sono iniziate alle ore 07:00 a seguito del completamento delle procedure d’evacuazione che hanno interessato anche i pazienti della struttura sanitaria “Maria Cecilia Hospital” (compresa nel raggio di sgombero di 254 metri dal luogo di rinvenimento).
Gli artificieri hanno prima messo in sicurezza l’ordigno per poi rimuoverlo e trasportarlo presso un’area idonea, identificata nel comune di Alfonsine (RA), dove è stato fatto brillare in sicurezza.
A garanzia della massima cornice di sicurezza, gli specialisti del genio dell’Esercito Italiano hanno realizzato una struttura di mitigazione degli effetti dell’esplosione e opere aggiuntive sia a protezione degli edifici limitrofi sia per ridurre i disagi alla popolazione residente.
Quello odierno, per i guastatori paracadutisti della Brigata “Folgore”, è il terzo intervento di bonifica complessa (bomba d’aereo) che viene condotto dall’inizio dell’anno. Solo nel 2020 sono stati oltre 1200 gli ordigni neutralizzati (di cui 14 bombe d’aereo di maggiori dimensioni) nelle 7 provincie di competenza.


Leggi anche