CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 19/11/2018

ESERCITAZIONE SUL PO PER CREARE UNA TESTA DI PONTE PER CONTO DELLA NATO

L’esercitazione condotta dal Comando Genio, è affiliata all’esercitazione “Atlante 18” del Comando delle Forze Operative Terrestri di Supporto di Verona – e che, a sua volta, è federata all’esercitazione “Golden Wing” che è un’attività addestrativa complessa condotta dal Comando Divisione “Friuli” di Firenze.


PIACENZA- E’ iniziata sul Po la esercitazione “SMART SAPPER” condotta da 14 componenti dell’Esercito, tra Lodi e Piacenza che il 27 novembre vedrà schierati, alla fine, 500 militari.

Il presupposto è che la Nato è chiamata ad intervenire per provvedere ad una testa di ponte su un corso d’acqua non guadabile e permettere così il transito di truppe e assicurare i rifornimenti dalle retrovie.

PARTECIPERANNO: Comando Reggimento di Roma, 2° Reggimento Genio Pontieri di Piacenza, 7° Reggimento NBC “Cremona” di Civitavecchia, Multinational CIMIC Group di Motta di Livenza, 121° Reggimento Artiglieria contraerea “Ravenna” di Bologna, 2° Reggimento Trasmissioni di Bolzano, 33° Reggimento EW di Treviso (specializzato nella “guerra elettronica”), 41° Reggimento “Cordenons” di Sora (Frosinone), 13° Battaglione “Aquileia” di Anzio (Roma), 2° Reggimento Sostegno AVES “Orione” di Bologna, Reggimento Lagunari “Serenissima” di Mestre (Venezia), 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, Reggimento “Genova Cavalleria” di Palmanova (Udine) e il Reggimento Artiglieria a Cavallo di Vercelli

Leggi anche