CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 24/09/2014

L’IMPRESA DI UN PARACADUTISTA MOTOCICLISTA: MOTO DA ENDURO E BENEFICENZA


Per il suo quarantesimo compleanno Antonio Cinotti, già ufficiale della Folgore, ha lanciato una raccolta fondi per una pompa d’acqua da portare ad un villaggio del Sahel.

—-

Antonio, in occasione del suo 40imo compleanno (lo scorso giugno), ha chiesto ad amici e parenti un regalo particolare: una piccola donazione volontaria per acquistare una pompa per l’acqua azionata da energia solare da installare in un piccolo villaggio berbero sperduto nel deserto marocchino. In brevissimo tempo, il #progettofolle01 ha raccolto anche i favori di KTM Italia, Nikon Italia, Banca Cras (che ha aperto il c/c senza spese a beneficio della raccolta fondi), ONLUS “Puerto Seguro”, Perla Pneumatici e tantissimi amici che hanno permesso di racimolare circa 2000 euro.

Antonio e sua moglie Francesca, infine, hanno concordato la donazione insieme con l’ONLUS “Bambini nel Deserto”, attiva nel Sahara e nel Sahel dove ha già realizzato 350 progetti in sei settori d’intervento quali: acqua, cibo e autonomia alimentare, sanità, istruzione e infanzia, sviluppo economico, migrazioni.

Antonio e Francesca sono partiti da Siena il 20 settembre per imbarcarsi sulla nave che li ha portati a Tangeri e da qui raggiungere, in sella alla loro KTM 950 Adv, l’oasi di Merzouga, l’ultimo avamposto “civilizzato” prima di arrivare al piccolo villaggio berbero dove consegneranno il denaro raccolto fino a quel momento.

Il #progettofolle01 viene documentato quasi in diretta su:
1) Tumblr di Antonio (http://antoncino.tumblr.com);
2) sulla pagina Facebook della ONLUS “Bambini nel deserto” (https://www.facebook.com/BambininelDeserto)
3) Instagram grazie a Instagramers Italia che ha voluto essere social media partner di questa iniziativa.

Dall’account Tumblr di Antonio (che è anche un fotografo amatoriale) è possibile vedere le foto del viaggio .

Nello stesso “account” troverete la lunga lista di cose, indumenti, oggetti che si portano dietro nel viaggio-

Leggi anche