PREFAZIONE

Dal 31 maggio 1991 viene inquadrato nella Brigata anche il ricostituito 183° Battaglione Paracadutisti “Nembo” quindi con un nuovo ordinamento assunto dalla Forza Armata, che ripristina il livello reggimentale, la “Folgore” ad iniziare dal 1992 assume gradatamente l’organico su Comando, Reggimenti Paracadutisti 183° “Nembo”, 186° e 187° “Folgore”, 185° Reggimento Artiglieria Paracadutisti “Folgore”, 9° Battaglione d’Assalto Paracadutisti “Col Moschin”, 26° Gruppo Squadroni Aviazione Leggera “Giove”, Battaglione Logistico “Folgore”, Reparto Comando e Trasmmissioni (poi Reparto Comando e Supporti Tattici), Compagnia Genio Guastatori Paracadutisti. La Brigata, ad iniziare dal 25 luglio 1992, fornisce un contingente di forze per partecipare all’operazione “Vespri Siciliani”, in concorso al controllo del territorio e di vigilanza di obiettivi particlarmente sensibili, normalmente devoluti alle Forze di Polizia, in particolare nelle provincie di Enna e Messina.
Dal 28 dicembre 1992 al 3 settembre 1993 la “Folgore” è presente nell’operazione “RESTORE HOPE” (Italfor Ibis), in Somalia; per il comportamento tenuto dal personale del Reparto Comando e Supporti Tattici, al Reparto stesso viene tributato un Encomio Solenne dal Capo di Stato Maggiore dell’Esercito.

 Campagne di guerra e fatti d’arme

Seconda Guerra Mondiale (1940-43)

– 1942:  Africa Settentrionale: Battaglia di Alam el Halfa (Passo del Carro, Passo del
Cammello, Gebel Kalak, Deir Alinda, Manaqir el Daba, Qaret el Himeimat,
Bab el Qattara, Deir el  Anaqar, Deep Well) – battaglia di El  Alamein (Deir el
Munassib; Qaret el Himeimat).

– 1943:  superstiti della divisione partecipano alle operazioni, inquadrati in altre unità,
fino al maggio 1943 in Tunisia.