CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 11/11/2020

RASSEGNA STAMPA – A MANFREDONIA UN PARACADUTISTA INVOCA LA CINTURAZIONE NBCR DELLA CITTA’

da stato quotidiano.it

Manfredonia, Combattere l’emergenza sanitaria COVID_19 “attraverso le procedure N.B.C.R. e cinturando le città”. E’ la proposta del sig. Francesco Spagnuolo, formato dal 9°Rgt “Col Moschin” quali incursori dell’Esercito italiano.

In una lettera inviata via Pec al sindaco di Manfredonia (con ruolo attualmente ricoperto dalla Commissione straordinaria del Comune) scrive: “In questo periodo storico, sto assistendo nella mia città e ancora più grave nel mio paese, a Forze dell’Ordine e di Polizia a cui è affidato anche il compito di operare per la salute pubblica, le quali avrebbero già dovuto agire prontamente in caso di epidemie o pandemie con procedure già esistenti. Pare che i predetti facciano finta di non sapere e/o conoscere per non caricarsi di ulteriore lavoro, magari godendo pure di ferie forzate, in un momento storico dove la presenza dello Stato deve essere ancor più marcata”.

“Credo che tale mancanza ha fatto si che il carico di lavoro, dato dall’emergenza Covid si sia riversato principalmente su la parte politica dirigenziale della nostra città e del nostro paese, come se lo Stato Italiano nella sua espressione di tutela della salute pubblica, non avesse già provveduto a realizzare procedure precise e mirate in caso di attacchi: Nucleari, Biologici, Chimici e Radioattivi espresse con l’acronimo anti-N.B.C.R., oltre ché alla base di queste procedure, vi sia la cosi detta cinturazione “accerchiamento” necessario ed attuato ogni giorno dalla Polizia Giudiziaria sia a protezione dei soggetti esterni con potenziale pericolo interno sia protezione di soggetti interni a protezione da pericolo esterno”.

“In sintesi chi si dovrebbe prodigare attivamente e fisicamente ad isolare una comunità sana o da sanare applicando la cinturazione, si sta limitando a controlli e/o multe sull’applicazione esclusiva dei Dcpm, necessari su scala regionale o nazionale non certo locale e capillare, in modo da interrompere lo scambio di contagi tra una comunità locale ed un’altra”.

Leggi anche