CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 06/11/2019

VISITA A STRADE SICURE ( FOLGORE) UMBRIA E MARCHE DELLA COMMISSIONE DIFESA: “SOLDATI BENE ADDESTRATI PER UNA MINACCIA DIFFUSA”

Si è conclusa il 5 Novembre pomeriggio la visita della delegazione della commissione Difesa della Camera dei deputati al Centro di selezione e reclutamento nazionale dell’Esercito con sede nella caserma “Generale Ferrante Gonzaga del Vodice” presso Foligno (Perugia).
In quella caserma ha sede il comando della operazione strade sicure, a affidato al 185mo reggimento artiglieria Paracadutisti,i Diavoli Gialli rinforzato con squadre del Reggimento Logistico e del Savoia Cavalleria.I parlamentari sono stati accolti all’aeroporto di Foligno dal comandante del Raggruppamento tattico Marche-Umbria, colonnello Mauro Bruschi ( che è anche comandante dei Diavoli Gialli a Bracciano, ndr) e dal sottocapo di Stato Maggiore operativo del Comando Forze operative Nord (Comfop Nord), colonnello Alfonso Cornacchia.Il volo era stato curato da un elicottero del REOS.

La visita si inserisce all’interno l’indagine conoscitiva della commissione sull’operazione “Strade sicure”: la delegazione, a conclusione della visita, è stata salutata dal comandante del Centro nazionale di selezione, generale B. Daniele Tarantino.
La delegazione guidata dal presidente Gianluca Rizzo e dai deputati Giovanni Luca Aresta, Roberto Paolo Ferrari, Salvatore Deidda ed Alberto Pagani, ha potuto verificare la qualità dell’addestramento del personale impiegato nell’operazione “Strade sicure”. In particolar modo l’intervento dei nostri militari in un contesto urbano, con una minaccia diffusa e non convenzionale ed una imprevedibilità dell’attacco. Molta attenzione viene prestata alle modalità di primo approccio e d’identificazione, all’addestramento al corpo a corpo, alle pratiche di soccorso, alla postura nel portamento delle armi, alla capacità di dialogo ed eloquio e alla trasmissione di sicurezza di fronte ad una situazione di potenziale pericolo.

Il presidente Rizzo, a nome di tutta la delegazione, ha espresso la soddisfazione per il serio lavoro di addestramento dei nostri militari e per la loro capacità di essere presidio sul territorio in una ottima relazione con la cittadinanza.

Leggi anche