CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 13/09/2017

ACCADEMIA DI MODENA: FIRMATO ACCORDO TRA MINISTERO DELLA DIFESA E UNIVERSITA’ DI MODENA E REGGIO

Il Sottosegretario alla Difesa, On. Gioacchino Alfano ha sottoscritto ieri , presso l’Accademia Militare di Modena, un accordo di collaborazione con l’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia, presente il Sindaco della città, il Comandante Generale di Brigata Stefano Mannino , il rettore della Università accompagnato da alcuni docenti.
Verranno atttuati programmi, progetti, piani di ricerca e formazione nel settore energetico.
A tale scopo è stata firmata anche la Convenzione Operativa siglata con la Università dal Gen. Isp. G.A. Ing. Francesco Noto, direttore della Struttura di Progetto Energia, istituita dal Ministro della Difesa per coordinare le attività delle Forze armate nel settore Energetico.

“L’Accordo e la convenzione operativa di oggi tra Unimore e il Ministero della Difesa – commenta il Rettore Unimore Angelo O. Andrisano – che permetteranno di attuare diversi progetti di ricerca e trasferimento tecnologico nell’ambito del settore energetico e dello sviluppo sostenibile, costituiscono un importante riconoscimento delle competenze del nostro ateneo in un ambito particolarmente strategico. In particolare la firma della convenzione, che renderà possibile una serie di attività di analisi e studio per la riqualificazione energetica del Palazzo Ducale di Modena, darà continuità alla collaborazione ormai decennale tra Unimore e l’Accademia Militare. Da un punto di vista formativo la collaborazione con il Ministero della Difesa permetterà inoltre di formare la futura classe dirigente statale nel settore energetico”.

Il settore energetico assume un ruolo sempre più centrale per lo sviluppo economico del Paese e per l’attuazione di un modello di crescita sostenibile e in tale contesto il Ministro della Difesa Roberta Pinotti ha di recente approvato il Documento di Indirizzo Strategico Programmatico (DISP), dando il via al percorso che porterà all’adozione della Strategia Energetica della Difesa (SED) con la quale il dicastero Difesa si doterà dello strumento per definire il proprio contributo al raggiungimento degli obiettivi nazionali ed europei nel campo dell’energia e della riduzione delle emissioni clima-alteranti.