Stampa

EL ALAMEIN

foto sopra: El Alamein- Sacrario italiano -l'arrivo della Staffetta per i Leoni della Folgore. Sullo sfondo Quota 33. Sotto, il drappello dei Tedofori che avevano appena concluso l'accensione del Braciere, davanti al Leone della Folgore CARLO Murelli che ha combattuto a Quota 105. Era stato invitato dall'Ambasciata italiana a presenziare alla cerimonia che si sarebbe tenuta il giorno dopo, 23 Ottobre 2014 .Per chi sa… continua a leggere
Nuova Sala dei Cimeli di El Alamein: obiettivo ottobre 2022 per 80° Anniversario della Battaglia di El Alamein Il progetto di riallestimento della Sala dei Cimeli del Sacrario di El Alamein fa un altro passo in avanti. Verrà infatti istituito un comitato di coordinamento presieduto da Onorcaduti per l’allestimento della nuova sala dei Cimeli a El Alamein: questo è l’esito dell’incontro tenutosi a Padova il… continua a leggere
«Andavamo di notte e il giorno dopo stavamo nascosti tra le dune. La notte successiva ci mettevamo in agguato per cogliere di sorpresa qualche pattuglione meccanizzato inglese. Diverse volte mettemmo le mani su gruppi da quattro a sei camionette, catturando non pochi prigionieri. Facemmo fuori anche diverse pattuglie di neozelandesi, che erano quasi sempre ubriachi. Del bottino che facevamo, scatolame e sigarette erano per noi,… continua a leggere
LE BUCHE NEL DESERTO (Estratto da A. Bondesan e T. Vendrame (2015) - El Alamein. Rivisitazione del campo di battaglia tra mito e attualità, Cierre Edizioni, 516 p. Il difficile, inospitale ambiente desertico in cui i reparti si ritrovarono confinati l’uno contro l’altro costrinse i militari a languire e combattere in spartane postazioni scavate nel terreno, tristemente note come “buche”. Si usava distinguere tra “buche… continua a leggere
el alamein
Mancano nove giorni alla ricorrenza della Battaglia di El Alamein. IL Progetto El Alamein pubblicherà ogni giorno fino al 22 Ottobre, un articolo sui Paracadutisti e sui Soldati al Fornte. Dal 23 Ottobre, ogni giorno successivo riporteremo i bollettini di guerra dell'epoca, tratti da documenti originali, insieme alle testimoniance dei Leoni della Folgore che il Progetto ha raccolto nel suo centro documentale L’ACQUA E LA… continua a leggere
sopra: lo schizzo delle baracche del campo dove furono prigionieri i Ragazzi della Folgore, tra i quali Vittorio Bertolini , padre del Generale di corpo d'armata Marco , già comandante della Brigata Paracadutisti e comandante del COI , in congedo dal 2017.Emilio Camozzi l'ha ricevuta da un suo Camerata , Giuseppe Rebaudengo. E' stato creato nel 1960, PARMA- Il Nostro Direttore Onorario e co-fondatore del… continua a leggere
PARMA-Pubblichiamo il video del professor Bondesan, titolare scientifico del Progetto El Alamein e presidente del SIGGMI (Società di geologia e geografia militare), che fa il punto sulla "nuova El Alamein", la città da 2 milioni di abitanti in costruzione a pochi chilometri dai luoghi della Battaglia. Bondesan, che ha tracciato la "tabella di marcia" scientifica del progetto, con l'ausilio organizzativo , dal 2008 in poi,… continua a leggere
LECCO - La gradinata dello stadio di Lecco ,stamane , era gremita di paracadutisti che hanno salutato per l'ultima volta Carlo Murelli, Leone della Folgore di El Alamein. Era un punto di riferimento, silenzioso e credibile, per l'ANPDI e per tutti noi. Umile,defilato,lucido, cordiale, sorridente, saggio, disponibile, in buona salute fino a poco prima di lasciarci. Il suo volto scolpito dalla vita e le sue… continua a leggere
Il racconto di Carlo Murelli nella sua postazione di El Alamein Il ricordo di Aldino Bondesan Carlo cammina al nostro fianco con passo lento e sicuro, ad onta dei suoi novant’anni suonati. Basso di statura, modi cortesi, ti trasmette un senso di forza e di sicurezza. Dopo settant’anni rimette piede sul Dosso del Bersagliere, così chiamato dai folgorini che lo presidiavano, perché lì un bersagliere… continua a leggere
LILI MARLENE : IL CANTO DEI SOLDATI

Pubblicato il 01/06/2021

PARMA- Emilio Camozzi ci racconta uno struggente episodio avvenuto durante la sua prigionia sotto gli inglesi. Una famosa canzone -Lili Marlene- è stata l'occasionE per riaffermare che loro erano spezzati, ma non piegati. Battuti ma non vinti. Con la schiena dritta. Ci dice Emilio che, subito dopo, gli italiani risposero con l' INNO A ROMA. SOLDATI IN GUERRA sotto le stelle Tutte le sere sotto… continua a leggere