CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 01/12/2019

AMPUGNANO – PAOLO FILIPPINI SI LANCIA CON IL TRICOLORE DA 1600 METRI QUADRATI

LA NAZIONE edizione Siena del 1 Dicembre 2019


Siena, 1 dicembre 2019 – E’ stata lanciata su Ampugnano, piccolo aeroporto in provincia di Siena, la bandiera pi? grande d’Italia: 1600 metri quadrati una volta spiegata e 120 chili di peso. Realizzata dopo tanti mesi di lavoro. A portarla in alto è stato il colonnello in pensione Paolo Filippini, senese di nascita, più volte campione del mondo e pluricampione italiano di paracadutismo sportivo. Un azzardo? Una scommessa? Un sogno? Per Filippini che ha al suo attivo 16.300 lanci è tutto questo.

“Durante la mia attività che mi ha portato in giro per il mondo sempre più persone mi chiedevano e chiedono cosa si prova quando siamo lassù E così ho iniziato a filmare i lanci per far capire le sensazioni, le emozioni e anche le paure. Il secondo passo è stato quello di pensare e realizzare grandi bandiere. Sempre più grandi per rendere tangibile l’orgoglio di essere italiani. Tutto questo nella speranza di risvegliare l’amore per la nostra patria”.

Paolo Filippini si è lanciato da oltre 2.000 metri alle 12,30 da un Cesna 207 pilotato da Antonio Guzzo, 700 ore di volo e istruttore esaminatore di paracadutismo (6500 lanci). Il programma è stato ritardato per un piccolo inconveniente al velivolo. Finalmente dopo un’attesa che sembrava interminabile contro un cielo che diventava sempre più minaccioso il tricolore è apparso in tutta la sua grandezza. Davanti alla nostra bandiera è stato naturale per i presenti, tra cui il vicepresidente nazionale dell’Anpdi Enrico Pollini, soci di varie sezioni toscane della stessa associazione e alcuni ragazzi pronti a fare il loro primo salto per prendere il brevetto intonare l’inno d’Italia. Il collaudo è riuscito e ora Filippini (uno spirito indomito) pensa ai campionati del mondo (ancora non sa quando ci saranno le selezioni e se lui verrà scelto) che si terranno ad agosto del 2020 in Siberia.

Giovanni Graziotti