CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 16/05/2018

MARTE: IL PARACADUTE CHE FARA’ ATTERRARE LA NAVICELLA NEL 2021 HA SUPERATO I PRIMI TEST

recensioen a cura di Antonello Gallisai

PARMA Il più grande paracadute mai lanciato nello spazio atterrerà sulla superficie del pianeta rosso nel 2021, l’enorme vela ha superato il primo di una serie di test effettuati IN sVEZIA

Il paracadute ha un anello è di 35 metri, pesa quasi 90 chilogrammi ed è dotato di 5 chilometrI di corde. Secondo quanto riportato dall’ Agenzia spaziale europea (ESA), che supervisiona il progetto ci vogliono cinque giorni lavorativi per preparare e piegare il paracadute nella sua corretta configurazione.
Nell’ ultimo test , un elicottero ha trasportato il modulo di atterraggio da testare che pesa 1.100 libbre.(500 kg) ad un’altitudine di circa 4.000 piedi (1.200 metri) per poi lasciarlo cadere da quell’altezza. Dopo una caduta libera di 12 secondi, la sequenza di spiegamento del paracadute ha avuto inizio con l’apertura di uno piccolo paracadute estrattore da 15,7 piedi (4,8 m),che ha quindi attivato l’apertura del secondo paracadute principale.
“L’obiettivo di questo test era verificare come il paracadute sarebbe stato estratto dalla borsa e come si dispiegasse ” ha detto Stephane Langlois, ingegnere ExoMars all’ESA. “Quello che stiamo cercando di fare con questo test non è rappresentare l’atmosfera di Marte. Se vorremmo farlo, dovremmo salire a un’altitudine molto elevata, e questo è un altro test, che intendiamo fare entro l’anno”. Telecamere GoPro multiple montate sul modulo di test hanno monitorato il dispiegamento dei due paracadute. Durante l’intero esperimento, gli ingegneri hanno ricevuto dati di telemetria, che ora stanno esaminando insieme con i filmati prima di procedere al test ad alta quota.
“Il successo del test di apertura del paracadute e la successiva discesa stabile senza danni è una pietra miliare del progetto”, ha affermato il responsabile del progetto di ExoMars Thierry Blancquaert, anch’egli dell’ESA.
Secondo John Underwood, ingegnere principale di Vorticity, un appaltatore ESA con sede nel Regno Unito che ha sviluppato il paracadute, nel prossimo test l’intero sistema sarà trasportato da un pallone ad elio ad un’altitudine di 17 miglia (28 km), dove l’atmosfera terrestre è sottile come quello di Marte. A partire da quella quota, gli ingegneri saranno in grado di riprodurre esattamente le condizioni dell’intera sequenza di apertura dei paracadute. Secondo l’ESA, la missione su marte avrà bisogno di due di questi paracadute in quanto il modulo di atterraggio peserà circa 4.400 libbre. (2.000 kg).
La missione ExoMars su Marte partirà con il lancio nel luglio 2020 , con l’ atterraggio su marte previsto nel marzo 2021.

--