CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 21/05/2015

RASSEGNA STAMPA: L’ ARENA DI VERONA PARLA DEI GUASTATORI PARACADUTISTI

VERONA- Alla vigilia del disinnesco di una grossa bomba d’aereo rinvenuta in un catiere bel centro della città, l’Arena di Verona dedica unao “speciale” ai paracadutisti artificieri che se ne occuperanno domenica prossima

L’ARENA
giovedì 21 maggio 2015 CRONACA, pagina 13


A 70 anni di distanza dalla fine del secondo conflitto mondiale, la guerra presenta ancora il conto. Nel solo 2014 gli artificieri dell’VIII Reggimento Genio Guastatori «Folgore» di Legnago hanno effettuato 330 bonifiche da ordigni bellici tra Verona, Rovigo, Ferrara, Ravenna, Rimini, Cesena e Forlì, vale a dire nell’area dell’ex linea Gotica su cui si concentrarono i bombardamenti nella seconda metà del conflitto mondiale.
Le ultime evacuazioni in città hanno interessato zone più periferiche: la stazione, l’area delle ex Cartiere e quella degli ex Magazzini Generali. Tre anni fa gli artificieri erano intervenuti nella zona di Negrar, a Villa Novare, per il disinnesco di un ordigno bellico di 130 centimetri di lunghezza per circa mille libbre, mezza tonnellata, e con l’esplosivo, pari alla metà circa del suo peso, ancora attivo, una bomba d’aereo della seconda guerra mondiale ritrovata nei campi di proprietà dell’azienda agricola Bertani, durante alcuni lavori di escavazione. Anche allora era stato predisposto un dispositivo di sicurezza per bonificare l’area. Anche in quell’occasione era stato predisposto un raggio di evacuazione di 800 metri, anche se la zona era scarsamente abitata.
Altre bonifiche in passato sono state effettuate a Parona, per ordigni bellici spuntati nelle aree di cantieri edili lungo viale Brennero, non lontano dalla linea ferroviaria, e in piazzale XXV Aprile, davanti alla stazione di Porta Nuova. Enrambe le zone durante il secondo conflitto mondiale erano state pesantemente bombardate dagli aerei Alleati per tagliare la via di fuga ai Tedeschi verso nord.E.CARD.