CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 16/01/2020

VALDAGNO(VI) – (RI)PRESENTAZIONE DI “ARDITI” – LA COMPAGNIA DELLA MORTE -EDIZIONE 1929 MAGG. BASEGGIO


VALDAGNO-VICENZA- Lo scrittore vicentino Bepi Magrin riprende la prima pubblicazione del capitano che fondò ” La Compagnia della morte”

“La Compagnia della morte” è il titolo del libro di Cristoforo Baseggio, pubblicato nel 1929 e ristampato a cura di Giuseppe Magrin con foto attuali e d’epoca. Sono stati gli Arditi ante-literam, che nel 1916, un anno prima della costituzione del reparto a Sdricca , operavano in Valsugana ai comandi del capitano Baseggio, nato a Milano il 22 gennaio del 1869 . 3 medaglie d’argento, una di bronzo e molti altri riconoscimenti testimoniano la stoffa dell’Autore.
Baseggio reclutò arditi persino dalla Guardia di Finanza, per formare, la Compagnia Esploratori Arditi Baseggio con 13 Ufficiali e 450 uomini più 120 conducenti per le salmerie, che si distinse in per azioni di pattugliamento e colpi di mano. Nella battaglia del Colle di Sant’Osvaldo sopra Roncegno, la “Compagnia della morte” (foto sopra) venne annientata per riconquistare la postazione. Per mancanza di uomini e di volontari, il reparto fu sciolto . Baseggio fu quindi il precursore dei reparti Arditi dell’Esercito Italiano. Baseggio fu Sansepolcrista, ovvero Fascista della prima ora ma successivamente anche fiero avversario di Mussolini. Il libro verrà presentato oggi giovedì 16 gennaio alle 20 dal curatore alla Libreria “Liberalibro” di Valdagno (piazza del Muncipio).

Così si esprimeva in proposito l’ufficiale nel 1929: (…)L’idea che mi era tante volte balenata di formare una Compagnia Autonoma di Arditi, capace di eseguire azioni tattiche di una certa importanza e dotata di autonomia e di larghi mezzi materiali, fu da me esposta al generale Farisoglio e al capitano di s. m. Spiller e fu defìnitivamente approvata nel settembre 1915. Il 16 ottobre 1915 veniva ufficialmente costituita la “la Compagnia Volontari Esploratori “della 15a div. , che avrebbe dovuto” (…) eseguire operazioni ardite, compiti di avanguardia, esplorazioni, ricognizioni, prese di posizioni, sorprese, ecc. “.