CRONACA AGGIORNATA OGNI ORA

Condividi:

Pubblicato il 11/10/2018

VISITA ISRAELIANA AL CENTRO DI ECCELLENZA DELL’ESRCITO PER LA SIMULAZIONE ADDESTRATIVA E VALIDAZIONE

CIVITAVECCHIA- Una Delegazione di Ufficiali dell’Esercito israeliano in visita al Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito e al dipendente Centro di Addestramento Tattico di Cesano di Roma
Nel quadro delle attività di cooperazione internazionale finalizzate a rafforzare i legami di collaborazione tra le Nazioni appartenenti a Alleanze e Organizzazioni Internazionali, nelle giornate del 9 e 10 ottobre una Delegazione di 3 Ufficiali dell’Esercito israeliano, guidata dal Colonnello Nir Ben David (Chief of Staff of the C2 School), ha fatto visita al Centro Simulazione e Validazione dell’Esercito (Ce.Si.Va.) e al Centro di Addestramento Tattico (C.A.T.) di Cesano Roma.

All’attività del 9 ottobre, tenutasi presso la caserma “Giorgi” di Civitavecchia, il Vice Comandante del Ce.Si.Va., Generale di Brigata Manlio Scopigno, dopo aver fatto gli onori di casa, nella vesti di Capo Reparto Esercitazione, Sperimentazione e Sviluppo ha tenuto un briefing introduttivo nel quale sono stati illustrati i compiti istituzionali del Centro.
Nel corso della giornata, l’incontro è proseguito con la visita ai locali che ospitano l’8° rgt. Artiglieria Terrestre, impegnato nell’esercitazione per posti comando “Orione 2/2018”, quindi con un briefing sull’ITB (Integration Test Bed) e sulla Forza NEC (Network Enabled Capability).

In tale contesto, il Centro svolge la funzione di sperimentatore dell’integrazione delle piattaforme digitali dell’Esercito analizzando, verificando e validando le capacità operative dei sistemi dei progetti di Forza NEC, mediante l’effettuazione di sessioni d’integrazione operativa nel corso dell’anno e sempre più frequentemente integrate nel contesto dei main training events dell’Esercito.

Nella giornata del 10 ottobre la Delegazione israeliana ha fatto visita al C.A.T. di Cesano di Roma; in tale contesto, il Comandante del Centro, Ten. Col. Marcello D’Agostino, dopo aver illustrato per grosse linee i compiti del C.A.T., ha evidenziato come la componente “Live” ricopre un ruolo determinante nella preparazione delle unità dell’Esercito che andranno ad operare nei vari Teatri Operativi.

Al riguardo infatti, la componente LIVE permette alle unità dell’Esercito di operare in ambienti reali, utilizzando le armi individuali, i veicoli e i sistemi d’arma in dotazione, ed è distribuita sui cinque Centri di Addestramento Tattico di Capo Teulada (in Sardegna), Lecce (in Puglia), Monte Romano e Cesano (nel Lazio) e a Brunico (in Alto Adige). Qui vengono effettuate esercitazioni a partiti contrapposti, che prevedono l’impiego di unità estremamente specializzate e addestrate per ricoprire il ruolo delle forze di opposizione e in grado di riprodurre, oltre alle forme di offesa convenzionali, le altre tipologie di minaccia più note a livello internazionale quali il terrorismo, la criminalità e le forze irregolari che, combinate con forze regolari, possono comporre la minaccia “ibrida”.

L’attività al C.A.T. di Cesano di Roma si è conclusa con la visita dei locali che ospitano i “simulatori di duello” e quelli dell’EXCON mobile, struttura in grado di definire gli effetti delle azioni intraprese dalle unità che si fronteggiano nelle esercitazioni “livex”.
2-scambio-doni

3-briefing-al-cesiva