Condividi:

Pubblicato il 14/10/2015

14 OTTOBRE 2015 – LANCIO DELLE BANDIERE DI GUERRA DELLA FOLGORE IN OCCASIONE DEL 73mo DI EL ALAMEIN

PISA- Aquila 1 e il suo staff lo volevano fortemente, il tradizionale e suggestivo lancio della Bandiere di Guerra di tutti i Reggimenti, ma una meteo con forte pioggia ed un aggiuntivo mutamento del vento hanno costretto il direttore di lancio a chiudere il portellone subito dopo l’uscita dei primi due nuclei scorta alle bandiere del Capar e del 186mo Reggimento. In aria c’erano il Generale Iannucci e il Colonnello Mazza , il capo di SM Colonnello Trubiani, ed il Sottufficiale di corpo Primo Maresciallo Luogotenente g.gua.par. Davide CAMPISI, che hanno preceduto le scorte dei due Vessilli, del Capar e del 186mo Reggimento, in assetto di marcia e per nulla intimiditi dalla pioggia battente. Giunti nell’area della cerimonia, Don Marco ha benedetto le Bandiere ed i numerosi labari dell’ANPDI, e recitato la Preghiera del Paracadutista.
A terra, nel frattempo, l’acquazzone ha infradiciato anche gli ospiti. La firma della convenzione tra ANPDI e FOLGORE è stata quindi spostata all’interno del Capar, anziché sotto la tenda-comando sul campo di lancio, come aveva simbolicamente scelto il Generale Iannucci.


LA FIRMA DELLA CONVENZIONE DARA’ NUOVA LINFA ALL’ ANPDI
iannucci.fantini.convenzione
Alla presenza di tutti i comandanti di Reggimento, incluso il Tuscania, legato alla Folgore da solidi vincoli di cameratismo, al cui comando c’è colonnello Frassinetto, è avvenuta la firma della convenzione quadriennale tra Brigata Folgore e ANPDI, stata preceduta da due brevi interventi dei protagonisti: il Comandante Iannucci ed il Generale Fantini , presidente dell’ANPDI. Il primo, rivolgendosi ai comandanti di Reggimento li ha invitati alla massima massima divulgazione tra i loro uomini di alcuni dei contenuti peculiari dell’accordo; tra questi c’è una importante innovazione: i paracadutisti in servizio verranno iscritti gratuitamente all’ ANPDI, la quale potrà così rivitalizzare il “corpus” associativo grazie alle migliaia di Baschi Amaranto, che diventeranno “soci ordinari”. Questi ultimi potranno a loro volta contare sulla fitta rete di Sezioni disseminate lungo il territorio Nazionale, che potranno diventare concreti punti di riferimento anche per le loro Famiglie, oltre che per il tempo libero.

Nel suo intervento il generale Fantini si è dichiarato assai soddisfatto del risultato raggiunto, ben cosciente dal concreto aiuto che i Paracadutisti in Armi daranno alla “loro” Associazione, nata per accoglierli, aiutandola a meglio trasmettere alla Società civile il rispetto ed il ricordo dei Caduti, oltre che le tradizioni e l’essenza etica del Paracadutismo militare.
Con la firma odierna si aprono positivi scenari di collaborazione “tecnica” tra la nostra associazione e la Brigata Folgore, dall’attività addestrativa a quella aviolancistica da vettore militare a quella sportiva , ricreativa e tanto altro. Uno studio più accurato del testo rivela ampie possibilità di stipula di “sub-convenzioni” per regolamentare l’uso delle strutture militari ( torre, palestra, vettori aerei), dietro compensi valutabili non solo in denaro ma con scambio di prestazioni.



LE FOTO E IL VIDEO OFFERTE DAL NOSTRO GIORNALE GRAZIE AD ALFIO PELLEGRIN

Questo slideshow richiede JavaScript.


Leggi anche