Stampa

OPINIONI

di Corrado Corradi L’intervento del liberale belga (Verhofstadt, ndr) all’assemblea UE e che ha definito burattino il nostro premier Conte, non ci deve stupire, sembra una tradizione dei politici belgi comportarsi da pirla. Ricordate l’ex premier belga, mi sembra si chiamasse DiRupo, il quale non ha voluto stringere la mano al fascista Berlusconi? ... Berlusconi definito fascista da un figlio di una nazione grande circa… continua a leggere
Due parole in occasione del giorno della memoria delle foibe. «Uccidere un fascista non é un reato»… é uno slogan mortifero che abbiamo sentito urlare da schiere di orchetti rossi, rossi proprio come il loro immortale odio… Ma puo’ un odio essere immortale? Sembra proprio di si perché dal 1945 sono passati 74 anni, ossia 3 generazioni, e ancora quello slogan tanto mortifero quanto idiota,… continua a leggere
Nota della Redazione: usiamo come introduzione al pezzo di Corrado Corradi, alcune righe di un editoriale di Paolo Mieli sul Corriere della Sera del 30 gennaio 2019: C'è poi un'ultima lezione afghana che si può apprendere dall'Italia. Quando c'è da annunciare il ritiro da una guerra che ha prodotto decine di morti -- tra i quali è giusto qui ricordare i parà del sanguinoso attentato… continua a leggere
C’é una contraddizione fondamentale nel problema dell’emigrazione: per quale ragione coloro i quali si imbarcano per giungere clandestinamente, ossia illegalmente, da noi devono essere accolti senza se e senza ma, mentre coloro i quali vogliono venire in Italia seguendo le vie legali devono essere sottoposti a occhiuti controlli dei competenti uffici consolari per il rilascio del visto d’ingresso su una serie infinita di documenti che… continua a leggere
recensione di Walter Amatobene Welcome to the Liberators. From the Gothic Line to the Po Valley (Lecce-Brescia, Pensa Multimedia, 4 volumi, 2016-2018) è un libro che dà una idea più obbiettiva della complessiva vicenda della "liberazione" dell'Italia nel 1944 e 1945 L'Autore .Gianni Donno, descrive le battaglie sulla Linea Gotica nel settembre-ottobre 1944 e quelle nell'aprile successivo con la conquista della Val di Sambro, di… continua a leggere
Concordo con la Meloni, i francesi (quelli che abitano l’Eliseo, ma anche il Quai d’Orsay e le altre strutture repubblicane) sono insopportabili per spocchia e ingiustificato orgoglio. Lo dico da una posizione superpartes perché circa la Francia e i francesi penso di essere abbastanza obbiettivo, li bazzico dal 1965 quando sono giunto in un loro ex protettorato, il Marocco, ho continuato a bazzicarli fino al… continua a leggere
il Dente Avvelenato Il 23 gennaio del 2019 è andato a buon fine il lancio di una società privata con vettore recuperabile. Era lo Shepard di Blue Origin. Blue Origin è stata fondata dal multimigliardario con la ggì di Amazon, Jeff Bezos . E' uno degli straricchi ( geniali a far soldi , devo dire con rispetto) che vogliono appropriarsi del turismo spaziale usando e… continua a leggere
Parliamo politicamente scorretto… il soldato parla franco altrimenti dice signorsi’ e se ne sta zitto: Perché il giovane Regeni, massacrato in Egitto, e l’altrettanto giovane Megalizzi, ucciso a Strasburgo, vengono additati alla pubblica ammirazione come eroi invece che essere principalmente avvolti dal comune senso di pietà? Il primo é stato assassinato per biechi interessi che lo sovrastavano e dei quali non aveva contezza e sicuramente… continua a leggere
Ma, in che mani é finita la Francia? Se mi guardo indietro, l’ultimo presidente transalpino per il quale non si poteva non provare un sentimento di riverenza é stato Chirac (in carica dal 95 al 2007), dopo di lui: • pioggerellina sempre più battente con Sarkozy (ve lo ricordate lui e il suo sorrisetto più idiota che beffardo scambiato con quell’altro fenomeno dell’Europa, la Signora… continua a leggere
I COMANDANTI A CINQUE STELLE gen Nicolò MANCA già comandante della brigata Sazssari Al fine di alleggerire il clima surriscaldato e smorzare i toni polemici che serpeggiano da tempo in alcuni ambiti militari, confesso di aver meditato di suggerire al ministro Elisabetta Trenta di non ripetere l’errore di esortare il mondo in divisa a non “spaventarsi” per la preannunciata entrata in vigore del decreto istitutivo… continua a leggere