Stampa

OPINIONI

Il Dente Avvelenato Fabio Basile, con la sua barbettina fuori ordinanza, ha deciso di non accogliere i suggerimenti di lasciar perdere la tv spazzatura che di certo provenivano dalla gente seria che frequenta quando è in servizio. 24 anni, dopo alcuni tira e molla e qualche ripensamento durato due millisecondi è entrato al Grande Fratello Vip, in mezzo a storditi, trombati, tossici, mitomani, riciclati, zoccolette… continua a leggere
il Dente Avvelenato Lascio parlare il comandante-idolo Di Falco, che contro Schettino non ha esitato a ordinargli di tornare a bordo in modo "sbrigativo" e per questo è diventato famoso. Con sorpresa, riportiamo i suoi commenti al "decreto Salvini" su immigrazione e sicurezza. La Capitaneria evidentemente non si smentisce nemmeno in congedo ( o aspettativa?) “Sono molto perplesso sull’ipotesi di eliminare la protezione umanitaria”. “Ha… continua a leggere
di Corrado Corradi Qualcuno sta aspettando che l’ISIS rivendichi l’attentato compiuto nelle città di Ahvaz in Iran (una quarantina di morti). Non si é trattato di un ordigno ma di una vera e propria azione militare da parte di un gruppo che, a naso, non mi sembra corrispondere allo standard dell’ISIS. Il regime iraniano accusa Stati Uniti, Israele e Arabia Saudita, anche in questo caso,… continua a leggere
Le forze italiane in Niger sarebbero più utili al contrasto di una minaccia che si sta istallando da quelle parti : una grossa nebulosa jihadista formata da ISIS, AQMI, gruppi ANSAR a cui aderiscono bande di predoni che si sta aggregando nel sahelo sahara per aggredire da sud i paesi del Maghreb e creare una situazione di incertezza nell’area sud del mediterraneo. La tempesta jihadista… continua a leggere
di Corrado Corradi Quel che é successo nei cieli della Siria lunedi’ scorso é inoppugnabile :  Aerei israeliani hanno attaccato, in territorio Siriano, basi/strutture riconducibili a Hizb Allah e all’Iran ;  In quel contesto, un missile della contraerea siriana ha abbatturo, per errore, un IL-20 russo. Pero’ emergono alcune stranezze:  I russi hanno accusato la Francia di aver lanciato alcuni missili da… continua a leggere
Non penso che l’Italia rischi qualcosa in Libia; quello che a me sembra più importante in questo momento é evitare di correre dietro alle iniziative francesi, tutte dettate dall’avventurismo del principiante. Nelle sue espressioni operative (il Servizio) e industriali (Eni), l’Italia conosce la Libia meglio di chiunque altro e più di chiunque altro gode di una rete di contatti consolodati che la incardina nel territorio;… continua a leggere
CHE FACCIA DA … MOSCOVICI

Pubblicato il 13/09/2018

di Corrado Corradi I francesi hanno un difetto che si portano dietro dopo aver ghigliottinato un Re e imperversato per l’Europa con le armate sanculotte di un imperatore caricaturale, Napoleone, che da allora li condiziona a fare i salti mortali per festeggiare vanagloriosamente una epopea(?) che ha battuto ogni record quanto a inconsistenza e pochezza temporale… 20 anni circa di spoliazioni soprattutto di tesori italiani,… continua a leggere
in linea generale ha pienamente ragione il Geert Winders, il leader dell’ultradestra olandese quando dice che gli islamici vogliono dominarci. Qualcuno storcerà il naso ricorrendo alle solite trite e ritrite tiritere secondo cui chi parla chiaro e dice quel che vede e pensa «soffia sul fuoco della guerra di religione contro l’Islam» ma il dato, relativamente all’Europa, é proprio questo solo che va un pochino… continua a leggere
Dietro le milizie di Haftar c'e’ evidentemente la Total che vuole rifarsi in Libia delle perdite sul mercato Iraniano e, ovviamente, dietro la Total c'é Macron. Ora, nel ribadire quanto già affermato in un articolo precedente che non c'é da tifare né per Haftar (un presuntuoso voltagabbana filo-yankee) né per Sarraj (contiguo alla Fratellanza musulmana, anche se adepto dell’area meno intransigente) é comunque certo che… continua a leggere
VADEMECUM DELL’INVASORE

Pubblicato il 07/09/2018

il Dente Avvelenato VADEMECUM DELL’INVASORE Attira il tuo nemico lontano da casa, affinchè spenda tutto in logistica e personale ( Afganistan, Iraq, Kosovo, Libia) , crea condizioni di debolezza economica nella sua patria, impegnando le strutture sociali, saturando ospedali, scuole e servizi; invadi lentamente dal mare e da terra simulando sottomissione. Fai in modo che per ogni barcone venga attivata almeno una fregata, due motoscafi… continua a leggere